Pink Floyd, ricordando Richard Wright: oggi avrebbe compiuto 73 anni (Foto e Video)

Senza di lui David Gilmour non ha voluto inserire nella scaletta dei suoi concerti la straordinaria ‘Echoes’. Neanche in quel posto magico che è Pompei, dove 45 anni fa con i Pink Floyd fece la storia della musica con un documentario/concerto che ancora oggi ruba l’attenzione anche ai più giovani.

Oggi Richard Wright avrebbe compiuto 73 anni. Nato a Londra il 28 luglio del 1943, il 15 settembre del 2008 ha perso la sua battaglia contro il cancro. Insieme a Roger Waters, Nick Mason e Syd Barrett diede vita alla più grande band della storia, quei Pink Floyd che avrebbe continuato a regalare emozioni anche dopo 50 anni.

Wright, con il suo piano, ha messo la sua personalissima firma su brani come Ecohes, The Great Gig in the Sky,  A Saucerful of Secrets.

Per incomprensioni con Waters, fu estromesso dalla realizzazione di The Final Cut, l’ultimo album dei Pink Floyd con il bassista britannico cofondatore del gruppo.

Nel 2014 i Pink Floyd hanno pubblicato The Endless River, album contenente materiale risalente a Division Bell e mai pubblicato, in cui appare postumo come musicista e autore, considerato come una sorta di canto del cigno di Wright.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=Vr1T-uvg_vU&w=560&h=315]

Gilmour era legatissimo a lui (“era magico suonare con lui”), tanto da scegliere di non proporre Echoes dal vivo “perché quella canzone era un dialogo tra loro”, ha spiegato il bassista della band di Gilmour e dei Pink Floyd del dopo Waters, Guy Pratt.

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=5Rnn2cV9NHA&w=420&h=315]

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=HYr9hdJWlaE&w=420&h=315]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *