Led Zeppelin, Jimmy Page: ‘Presto un nuovo album live. E tanto materiale inedito’. E su una reunion…

Nuovo materiale, audio e fotografico. E poi indiscrezioni, anticipazioni… Il 2018 è indiscutibilmente l’anno dei Led Zeppelin. Cinquant’anni fa, infatti, John Paul Jones, Jimmy Page, John Bonham, Robert Plant diedero vita alla ‘più grande rock band del mondo’.

 

In una intervista a Planet Rock, rilanciata da http://ledzepnews.com/ di cui è stato diffuso uno stralcio, Jimmy Page parla del prossimo futuro, regalando grandi notizie ai fan degli Zep. Se da una parte sta per uscire la ristampa dell’ottimo  How the West Was Won, dall’altra va detto che vedrà la luce del nuovo materiale audio, completamente diverso a quest’ultimo album e a un altro famosissimo disco live della band: “Non posso dire molto- ha spiegato- Ma c‘è una registrazione che è una multitraccia, che pubblicheremo. È diversa da  How The West Was Won The Song Remains The Same e non vedo l’ora che la genta lo senta“.

Ma non solo. Perché, rivela Page, “ci sono un sacco di cose da pubblicare, di uscite. Mi piacerebbe dire che usciranno nei prossimi dieci anni, ce ne saranno altre di sicuro”.

Per una volta, forse per la prima volta, è Page a mettere una parola negativa (definitiva?) su una possibile reunion della band. Dopo averci sperato, dopo aver letto delle reazioni un po’ stizzite di Plant sull’argomento (https://dangerofmusic.com/2017/12/13/plant-reunion-led-zeppelin-nel-2018-ma-non-avete-nientaltro-da-scrivere/), Page è piuttosto pessimista, per non dire altro. Il chitarrista si è detto dubbioso “fortemente a proposito di una reunion. Abbiamo già superato il decimo anniversario della reunion dove siamo riusciti a fare un concerto serio e questa è l’unica cosa che abbiamo fatto assieme dopo così tanto tempo quindi dubito fortemente che faremo qualcos’altro. Penso davvero che il tempo sia passato”.

Infine, a proposito del libro fotografico ufficiale che uscirà in occasione dei 50 anni del gruppo, Page si è detto “felice che lo abbiamo fatto tutti insieme. Sarà davvero bello avere un libro in cui la band ha effettivamente contribuito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *