Otto album degli EURYTHMICS ristampati in VINILE

 

Uno dei più illustri e rispettati gruppi pop degli anni ’80, gli Eurythmics, con oltre venti successi internazionali e 80 milioni di album venduti, è nuovamente sotto i riflettori per l’imminente ristampa di otto album in vinile.

Gli album, che coprono interamente la loro carriera, saranno pubblicati da Sony Music tra aprile e ottobre 2018, iniziando con “In the garden” (1981), “Sweet Dreams” (1983) e “Touch” (1983) domani venerdì 13 aprile, seguiti da “Be yourself tonight” (1985), “Revenge” (1986) e “Savage” (1987) a luglio, ed infine “We too are one” (1989) e “Peace” (1999) ad ottobre. Questa sarà la prima volta che Peace sarà disponibile in vinile, dato che l’uscita originale fu solo in due formati: CD e cassetta.

Sia Dave Stewart che Annie Lennox hanno una lunga relazione con il formato vinile.Quando avevo sei anni, mio padre mi lasciò a bocca aperta costruendo da solo un grammofono dice Dave StewartAveva gli album di tutti i musical di Rodgers & Hammerstein. Ogni giorno usavamo il suo giradischi domestico, un crepitio leggero e poi ‘boom!’, mi ricordo che camminavo verso scuola cantando ‘I enjoy being a girl'”.

Avevamo un giradischi Dansette rosa di plasticaricorda Annie Lennox – Per il mio compleanno mi regalarono dei soldi e il primo album che comprai fu Mary Poppins. Era magico e magnifico. Prima di quello, visitavo casa dei miei nonni che avevano un giradischi 78 giri. Andavo in soffitta e mi perdevo tra le scatole piene di dischi. Ero rapita da ‘The Merry Widow'”

Annie Lennox definisce l’uscita degli otto album in vinile “straordinaria”. Dave Stewart aggiunge: “Se compri un vinile, devi disporre di un giradischi e delle casse, e questo è ottimo perché significa che le persone non ascolteranno la musica da un cellulare, ma da un vero impianto audio, che alla fine è quello che facevamo tutti noi quando eravamo giovani. L’aspetto rilevante della pubblicazione di un album in vinile è che la gente compra il disco, lo mette sul piatto e ascolta tutto un lato; e questo è importante, perché abbiamo scelto di disporre i brani secondo un preciso ordine”.

Se stai facendo un concerto, deve avere una forma– continua Annie Lennox- altrimenti non ha senso. Quindi abbiamo pensato molto all’ordine delle canzoni. Dave scriveva il suo ordine e io scrivevo il mio. Potevamo cambiare qualche canzone, ma arrivavamo ad un accordo per far si che l’esperienza dell’ascoltatore fosse un continuum da un lato e dall’altro del disco”.

Riferendosi all’uscita dei vinili, Dave Stewart garantisce cheSuoneranno meglio. Negli archivi abbiamo i master originali di mezzo pollice, che hanno un suono fantastico. Siamo partiti da questo, non dalle rimasterizzazioni digitali che sono state compresse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *