Due mondi opposti, ma gli stessi auguri: buon compleanno Joe Cocker e IZ

Due mondi opposti, ma due artisti in grado di emozionare tantissimo. Chi più, chi meno, ovviamente, e certamente per motivi di carta d’identità, pur essendo nati lo stesso giorno, ovvero il 20 maggio.

Joe Cocker e Israel “IZ” Kamakawiwo’ole, ovvero da una parte uno dei più grandi cantanti britannici di sempre, indimenticabile, tra le altre, la sua versione di With a Little Help from My Friends dei Beatles, in quel di Woodstock; dall’altra  un bravissimo cantante e musicista statunitense nativo delle Hawaii, divenuto famoso nel 1993 con la pubblicazione dell’album discografico Facing Future contenente il medley delle canzoni Over the Rainbow e  What a Wonderful World, eseguito in una versione con accompagnamento all’ukulele.

 

 

John Robert Cocker, detto Joe, era nato a Sheffield il 20 maggio 1944, un cancro ai polmoni se lo è portato via a Crawford il 22 dicembre 2014. Nel 1983 vinse il Grammy Award come «miglior interpretazione pop di un duo o un gruppo» per Up Where We Belong, brano cantato con Jennifer Warnes. La rivista statunitense Rolling Stone nel 2008 lo collocò al 97º posto della classifica dei cento migliori cantanti di tutti i tempi.

Israel “IZ” Kamakawiwo’ole, nato a Honolulu il 20 maggio 1959, è scomparso il 26 giugno 1997 dopo essere stato più volte ricoverato in ospedale a causa dell’obesità ed è morto per problemi respiratori alle 12.18 all’età di 38 anni. E’ stato un cantante e musicista statunitense nativo delle Hawaii. È conosciuto anche con gli pseudonimi di Bruddah Iz, o Bradda IZ, oppure semplicemente IZ.

Per tutto il giorno della sua scomparsa fu mostrata la bandiera hawaiana a mezz’asta. Il suo corpo fu esposto al Capitol Building di Honolulu, dove più di 10.000 persone gli resero omaggio. Le sue ceneri furono sparse nell’oceano a Makua Beach.
 
L’album postumo Alone in Iz World, pubblicato nel 2001, raggiunse il primo posto della Billboard World Albums, il 135º della Billboard 200[1] e il 13º della Billboard Independent Albums.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *