Mito senza tempo, 14 anni fa l’addio a The Genius

Quattordici anni senza The Genius. Ray Charles Robinson, per tutti semplicemente Ray Charles, era nato ad Albany, nello Stato della Georgia, il 23 settembre 1930. Cantante e pianista statunitense, considerato uno dei pionieri della musica soul, seppe coniugare sonorità diverse, dal rhythm and blues alla musica country, dal Vocal jazz al piano blues fino al soul blues.

Il brano Georgia on My Mind è stato il suo più grande successo. Nel 1990 partecipò, classificandosi al secondo posto, al Festival di Sanremo dove interpretò in coppia con Toto Cutugno la canzone Gli amori. Il suo ultimo contributo alla musica è stato la produzione di un disco di duetti con B.B. King, Elton John, Norah Jones e Johnny Mathis. The Genius – come era stato soprannominato per il suo straordinario talento artistico, nel 1980 apparve nel film The Blues Brothers. Frank Sinatra lo chiamò “l’unico vero genio del business”.

A inizio di carriera fu influenzato dallo stile vocale di colleghi a quel tempo assai celebri, come Nat King Cole e Charles Brown. Compì le prime tournée con Lowell Fulson ed ebbe modo di lavorare anche con Guitar Slim e Ruth Brown.
 
Charles affinò progressivamente uno stile personale che lo portò a miscelare una combinazione di vari generi musicali, fra cui il gospel e il jazz. Nel 1959, in molte radio venne trasmessa la canzone What’d I Say, divenuta un successo. 

Canzoni come Georgia on My Mind, Hit the Road Jack e Unchain My Heart, incrementarono ulteriormente il suo successo. Scritta nel 1930 da Stuart Gorrell (testo) e Hoagy Carmichael (musica), Georgia on My Mind divenne universalmente popolare proprio grazie a Charles, che la registrò nel 1960 e la incluse nell’album The Genius Hits the Road. Il singolo raggiunse la posizione numero uno della U.S. Billboard Hot 100 nel novembre 1960. Georgia on My Mind – assieme ad altri motivi come I Can’t Stop Loving You, Unchain My Heart, Hit the Road Jack – gli sono valsi tredici Grammy.

Charles morì il 10 giugno 2004 per le complicanze di una malattia al fegato all’età di 73 anni. Sua partner a lungo termine fino al momento della morte è stata Norma Pinella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *