Il precariato e lo sfruttamento raccontati in ‘Tutti zitti’ di GIULIA VENTISETTE

E’ uscito in rotazione radiofonica su oltre ottanta emittenti il brano ‘Tutti zitti’ della cantautrice fiorentina Giulia Ventisette, distribuito dall’etichetta algherese “La Stanza Nascosta Records” del musicista Salvatore Papotto.

Siamo prigionieri col contratto in mano”, canta Giulia nel ritornello del brano, che racconta la frustrazione del precariato e di un lavoro che impone solo doveri, trascurando i diritti. La canzone si è già aggiudicata il “Premio della Critica”durante il concorso per voci emergenti “Limatola Festival”ed il “Premio Under 35” di “Voci per la libertà-Una canzone per Amnesty”.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *