Brivido Pink Floyd: grandi emozioni a Milano con Nick Mason

Alla fine mancava solo lui. Una sorta di ‘reunion’ virtuale, che li ha visti in tour in giro per l’Europa, con un passaggio pure in Italia per la felicità dei fan di casa nostra.

 

 

Nel 2015 David Gilmour ha portato nel Vecchio Continente Rattle That Lock, il suo nuovo album di inediti, pubblicato proprio nel 2015. Tre anni dopo, invece, è stato il turno dell’amico/nemico, compagno di successi di una ventina di anni passati nei Pink Floyd, Roger Waters, che alla vigilia del tour ci ha informati sull’anno prossimo, per quanto riguarda le date.

E poi c’è Nick (Mason). Lui, che avrebbe voluto rimettere insieme i cocci di un’opera d’arte come quella pinkfloydiana, alla fine per rimettersi seduto su quello sgabello, per riprendere quelle bacchette che per anni ha sbattuto sulla pelle dei tamburi della sua batteria, è stato quasi ‘costretto’ a farsi un gruppo tutto suo, tutto dedicato ai Pink Floyd.

Grazie ad un gruppo di amici, Guy Pratt, Lee Hass dei Blockheads, Gary Kemp, Dom Beken, i Saucerful of Secrets, dal nome dell’album che lo scorso 29 giugno ha festeggiato 50 anni, essendo stato pubblicato nel 1968.

L’idea di Mason per questo tour (che continua in tutta Europa) è una vera e propria celebrazione dei primi anni della band, quella di Syd Barrett piuttosto che Roger Waters o David Waters, quella di pezzi come Interstellar Overdrive e Lucifer Sam, Vegetable Man, da If fino a Set the Controls for the Heart of the Sun. Emoziona il medley di If con Atom Heart Mother. Come tutto il resto del concerto.

Che pure a Mason una piccola grande soddisfazione extra la regala: in origine, in Set the Control for the Heart of the Sun è Waters a suonare il gong, come a Pompei. Waters, per Nick, “è un caro amico ma non era bravo a condividere il gong”. Piccola rivincita, quindi, per il batterista che ha finalmente potuto suonare quel gong così tanto desiderato negli ultimi 45 anni.

 

Setlist

Interstellar Overdrive
Astronomy Domine
Lucifer Sam
Fearless
Obscured by Clouds
When You’re In
Arnold Layne
Vegetable Man
– If
(Medley con Atom Heart Mother)
– Atom Heart Mother
(Medley con If)
The Nile Song
Green Is the Colour
Let There Be More Light
Set the Controls for the Heart of the Sun
See Emily Play
Bike
One of These Days
– BIS
A Saucerful of Secrets
Point Me at the Sky
Outro
(Jugband Blues)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *