Un volantino, una cucina e quattro ragazzi: 42 anni fa nascevano gli U2

Un volantino, 4 giovani musicisti. E una cucina. Cosa c’entra, direte, con la storia della musica? C’entra eccome, c’entrano tutti questi ‘ingredienti’, nessuno escluso, tutti importanti.

E decisivi, come lo è stata, e lo è tutt’ora, la sintonia e la passione che lega da 42 anni Larry Mullen jr,  Adam Clayton (famoso nella scuola per il suo atteggiamento spavaldo e da donnaiolo), David Howell Evans (The Edge), suo fratello Dick Evans ed un ragazzo ribelle dal nome Paul David Hewson (soprannominato Bono Vox dal suo amico Fionan Hanvey, che assomiglia al latino per “Buona Voce”). Il gruppo prende così il nome di Feedback, prima di diventare ufficialmente U2.

Non c’è ancora certezza sulla motivazione che li ha spinti a chiamarsi U2.

Pare che il nome sia stato suggerito dal cantante dei The Radiators Steve Averill, ispirato al celebre aereo-spia americano che fu abbattuto il 1º maggio 1960 mentre era in missione di spionaggio sull’Unione Sovietica.

Un’altra versione vede il motivo legato ad una linea della metropolitana di Berlino, la U2 appunto. Le linee della metropolitana berlinese prendono infatti il nome dalla metro (U-Bahn) seguita dal numero della linea. La linea U2 è una delle più famose e con richiami storici importanti; la linea U2 infatti corre da Pankow a Ruhleben, attraversando stazioni e parti di città importanti come l’Olympia stadion, Zoo station, Potsdamer Platz e Alexanderplatz; andando quindi, nel periodo del muro, dalla parte ovest della città a quella est.

Ma come, quando e perché gli U2 videro la luce? Tutto iniziò nel 1976 quando Larry appuntò un annuncio alla ricerca di ‘musicisti’ alla bacheca della Temple Mount School di Dublino. Si trattava di un biglietto in cui c’era scritto più o meno questo: ‘Batterista cerca musicisti per formare una band’.

E fu così che sabato 25 settembre 1976 –  ricorda Larry – “questo strano gruppo di persone si è riunito nella mia cucina ad Artane. Ed è da lì che è iniziato”. E che da oltre 40 anni incide successi, emoziona e richiama milioni di fan in tutto il mondo.

Nel 2005 sono stati introdotti nella Rock and Roll Hall of Fame.
 
Sono oltre 170 milioni i dischi venduti in carriera dalla band irlandese. Ma non solo: hanno pure ricevuto il maggior numero di Grammy Award per un gruppo, 22, hanno pure vinto 2 Golden Globe ed ottenuto 2 nomination ai Premi Oscar.  
Gli U2 fin da gli esordi, dai primi passi mossi sui palchi, si sono occupati della questione irlandese e del rispetto per i diritti civili, improntando su questi temi anche buona parte della loro attività artistica. Inoltre, gli U2 sono tra i pochi gruppi internazionali a potersi vantare di aver sempre mantenuto la propria formazione originale.
Gli U2 pubblicano il primo album, Boy, il 20 ottobre 1980, esce anche il nuovo singolo I Will Follow. A seguire arriveranno October, ad ottobre di un anno dopo,  e poi War, nel 1983.
Ormai la strada (giusta) è intrapresa, il successo è crescente.
Arriveranno infatti The Unforgettable Fire e The Joshua Tree. E tanto, tanto altro ancora.

Discografia (studio):
1980 – Boy
1981 – October
1983 – War
1984 – The Unforgettable Fire
1987 – The Joshua Tree
1988 – Rattle and Hum
1991 – Achtung Baby
1993 – Zooropa
1997 – Pop
2000 – All That You Can’t Leave Behind
2004 – How to Dismantle an Atomic Bomb
2009 – No Line on the Horizon
2014 – Songs of Innocence
2017 – Songs of Experience

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *