Amato da Kubrick, meno dai Pink Floyd: 48 anni fa usciva Atom Heart Mother

Diversamente normale. Che in mezzo agli altri, con quella copertina semplice ma non banale, “faceva una gran figurain mezzo alle altre dell’epoca che cercavano di attirare l’attenzione in modo provocatorio. La mucca attirava lo sguardo più di quanto potessi sperare: era diversa perché così normale”.

Eppure, ai Pink Floyd Atom Heart Mother, pubblicato il 2 ottobre del 1970, proprio non piaceva. 

Ron Geesin era un compositore d’avanguardia. Quale figura migliore avrebbe potuto collaborare con i Pink Floyd, per un album così floydiano eppure così diverso dagli altri album? “Roger mi propose di collaborare al nuovo album dei Pink Floyd. Voleva che scrivessi le parti del coro e dei fiati. In quel periodo i Floyd erano negli Usa e tutto quello che Roger mi lasciò fu un demo con la base ritmica e gli accordi”. Nelle intenzioni, ha ricordato Geesin, “doveva essere un brano di 25 minuti”.

Un lavoro diverso, nuovo, eppure difficile, che non trovò però già negli stessi Floyd il massimo del consenso, al punto che Gilmour lo definisce ancora oggi un tentativo di “raschiare il fondo del barile”, una “merda psichedelica”.

Eppure il riscontro fu positivo, fin dalla copertina fu un album che colpì, incuriosì, raccolse consensi. Tanti.

L’idea del gruppo era quella di arrivare ad un qualcosa di ordinario, semplice, che quasi rompesse con il passato, con gli esordi.

E si affidarono al genio grafico di Storm Thorgerson. Pare ispirato dalla carta da parati di Andy Warhol, Thorgerson si recò nella campagna a nord di Londra, immortalando alcuni splendidi esemplari bovini: su tutte la mucca vincitrice (con tanto di pedigree) era una frisona di nome Lulubelle III appartenente al signor Arthur Chalke (che in seguito proverà invano a chiedere un compenso). “La foto definitiva di una mucca”, per una copertina che “faceva una gran figura, in mezzo alle altre dell’epoca che cercavano di attirare l’attenzione in modo provocatorio. La mucca attirava lo sguardo più di quanto potessi sperare: era diversa perché così normale”.

Negli anni successivi Storm è tornato su quella scelta, facendo pure un parallelo con il successivo The Dark Side Of The Moon, con la sua famosissima copertina con il prisma, altro capolavoro del grafico: “Atom Heart Mother è l’immagine di una mucca. Cosa potrebbe essere più diverso da Dark Side, che è un prisma? Uno è grafico, semplice; l’altra è una ‘stupida’ mucca”, anzi “una mucca divertente”, eppure entrambe “molto Floyd”.

Che Gilmour non amasse troppo l’album, a cui contribuirono tre quarti dei Floyd, tranne Nick Mason che pure ‘prestò’ la sua cucina in cui furono registrati tutti i rumori di sottofondo poi apparsi sull’album, lo ribadì negli anni successivi. Perché AHM era un album difficile pure da replicare live: “Un brano come Atom Heart Mother richiede un grande affiatamento. Il fatto è che non siamo mai riusciti ad eseguirlo con le stesse persone per più di un paio di volte”.

Un album sofferto, non troppo apprezzato dal gruppo, ma che rapì addirittura Stanley Kubrick, che l’avrebbe voluto quale colonna sonora di ‘Arancia Meccanica’: “Lo voleva- il ricordo di Roger Waters- ma continuava a cambiar parere”. E alla fine non se ne fece nulla “e forse è un bene che sia andata così”.

Per quanto riguarda le tracce,  la suite di Atom Heart Mother è divisa in sei parti, mentre Alan’s Psychedelic Breakfast è divisa in tre. Ci sono poi anche tre canzoni da cinque minuti, ognuna interpretata dal rispettivo autore.

Le tracce:

Lato A
Atom Heart Mother (Strumentale) – 23:38 (David Gilmour, Richard Wright, Roger Waters, Nick Mason, Ron Geesin)
a) Father’s Shout (Gilmour, Geesin)
b) Breast Milky (Wright, Geesin, Mason,Gilmour)
c) Mother Fore (Gilmour, Wright, Geesin, Waters)
d) Funky Dung (Wright, Waters, Gilmour)
e) Mind Your Throats Please (Wright, Gilmour, Mason, Waters)
f) Remergence (Gilmour, Geesin)
Lato B
If (Voce di Roger Waters) – 4:25 (Roger Waters)
Summer ’68 (Voce di Richard Wright) – 5:29 (Richard Wright)
Fat Old Sun (Voce di David Gilmour) – 5:19 (David Gilmour)
Alan’s Psychedelic Breakfast (Strumentale) – 12:55 (Richard Wright, David Gilmour, Nick Mason, Roger Waters)
a) Rise and Shine
b) Sunny Side Up
c) Morning Glory

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *