Beatles, se ne va un altro pezzo di storia: è morto Geoff Emerick

Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, Revolver, The Beatles e Abbey Road. Il contributo di  Geoff Emerick, tecnico del suono, fu fondamentale per il lavoro dei Beatles, per l’incisione di album che hanno fatto la storia della musica.

Geoff Emerick se n’è andato ieri, 2 ottobre 2018, a Londra dov’era nato il  4 dicembre 1945. A dare notizia della sua morte il suo agente William Zabaleta che ha spiegato come Emerick soffrisse di problemi cardiaci. I due erano al telefono quando il tecnico dei Beatles ha avuto un malore: “Gli è caduto il telefono- ha raccontato-  Ho chiamato il 911, ma quando sono arrivati era troppo tardi. Geoff soffriva di problemi cardiaci, aveva un pacemaker. Quando è il tuo momento, è il tuo momento. Abbiamo perso una leggenda e per quanto mi riguarda ho perso il mio migliore amico e un mentore”.

 

 

Alla Emi Geoff fu assunto alla giovane età di 15 anni. Proprio il giorno dopo la sua assunzione, i Beatles erano entrati negli studi della EMI per la loro prima seduta di registrazione.

dovette aspettare sino al 1965 per lavorare con loro. Fu infatti allora che Norman Smith, l’assistente del produttore George Martin, se ne andò per iniziare una carriera di produttore: George Martin insistette allora con i vertici EMI per avere l’allora diciottenne Emerick con sé.

Emerick collaborò dal 1966 con Martin e con i Beatles in quasi tutti i loro album (l’eccezione fu Let It Be), da Revolver ad Abbey Road, passando per il White Album e soprattutto l’acclamatissimo Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, escogitando varie soluzioni tecniche per i tempi molto innovative e sfruttando al massimo la tecnologia esistente.

Dopo lo scioglimento dei Beatles Geoff fu subito richiamato da Paul McCartney, di cui era diventato un grande amico, per essere il tecnico del suono della Apple Records, ed ebbe modo negli anni, anche dopo il fallimento della società, di registrare con moltissimi altri artisti: Judy Garland, Elvis Costello (per cui produsse Imperial Bedroom e All This Useless Beauty), Art Garfunkel, America, Supertramp, Cheap Trick, Nazareth, Split Enz, Mahavishnu Orchestra, Ultravox, Matthew Fisher, Jeff Beck, Nellie McKay, Robin Trower…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *