40 anni di Outlandos d’Amour: e il mito dei Police può avere inizio

Le premesse non erano certo le migliori: pochi spiccioli quale budget per incidere l’album, un rischiosissimo tour negli Stati Uniti per presentarlo, che aperto da un live davanti a poche persone, presumibilmente 3 paganti più altrettanti dj.

Chiunque avrebbe mollato. Definitivamente.

Chiunque, ma (per fortuna) non  Andy Summers, Stewart Copeland e Gordon Sumner, per tutti semplicemente Sting. Sono infatti passati 40 anni dall’uscita di Outlandos d´Amour, era il 2 novembre del 1978, il primo album in studio del terzetto punk rock/reggae/jazz, formatosi a Londra nel 1977.

Un album che già faceva intendere di che pasta fossero fatti questi tre straordinari musicisti, nel 2012 inserito nella classifica di Rolling Stone dei 500 migliori album di tutti i tempi.

L’album è stato registrato presso i Surrey Sound Studios di Londra grazie…a Miles Copeland, il fratello di Stewart, il batterista della band (Summers era il chitarrista, Sting al basso e alla voce). Era un prestito, un budget decisamente ridotto, di appena 1.500 sterline. Le registrazioni si svolsero in oltre sei mesi, durante i giorni in cui lo studio non era occupato dalle sessioni di altri musicisti. Miles aveva promesso di pagare ai Surrey Sound una somma di 2,000 sterline al completamento della registrazioni, ma non diede loro l’intero importo fino a molto tempo dopo.
 
Dopo l’iniziale fallimento (!) di Roxanne, pubblicato come primo singolo, la casa discografica A&M Records diede alla band una seconda possibilità con Can’t Stand Losing You. Che alla effettivamente si rivelò la prima hit del gruppo, spingendo l’etichetta ad approvare rapidamente la pubblicazione dell’album. Miles Copeland voleva in origine intitolare il disco Police Brutality, ma dopo aver sentito Roxanne, e quindi pensato un’immagine più romantica per la band, propose Outlandos d’Amour, una libera traduzione francese dell’inglese Outlaws of Love.
 
Album punk rock e reggae insieme, in origine ottenne una fredda accoglienza anche perché la Bbc, considerando i temi trattati dai primi due singoli Roxanne e Can’t Stand Losing You, rispettivamente, la prostituzione e il suicidio. Ma fu solo dopo un tour negli Stati Uniti, aperto in modo surreale, che la band cominciò a riscuotere successo, specialmente per Roxanne.
Di quel periodo, della prima volta che sentì Roxanne alla radio, Sting ricorda che era a casa per fare dei lavoretti, in quel caso era su una scala per imbiancare la cucina:Ero sulla scala con la radio accesa quando è partita la canzone e io ho iniziato a cantare- le sue parole- ‘Cazzo! Sono alla radio!’ Sono quasi caduto dalla scala”. Lo hanno così subito cercato, al telefono, Stewart e Andy: “‘Siamo alla radio!’ Quello è stato il momento più emozionante. Un momento come quello non ci sarà mai più”.
Tutto, nonostante la diffidenza iniziale. Nei primi mesi del 1979 i tre avevano infatti deciso di partire per il primo tour negli Stati Uniti, dove non li conosce nessuno. Seppure sconsigliati dalla casa discografica A&M Records, trovano un biglietto low cost e partono per il tour americano con un budget minimo. Arrivano a New York e debuttano al CBGB, locale nel Lower East Side di Manhattan, nell’indifferenza generale; ma poco importa alla band.

La tappa successiva del tour è a Poughkeepsie, cittadina nello Stato di New York situata nella valle del fiume Hudson, a metà strada tra la grande mela e la città di Albany. E qui, si fece la storia (della band). Quella sera suonarono, fecero un gran concerto, eppure davanti appena a, si dice, sei persone.

I Police iniziano a suonare, senza pressioni, in un ambiente certamente ideale. Finita l’esibizione, il pubblico ormai in confidenza raggiunge StingCopeland e Summers nei camerini. E qui i Police scoprono che tre di loro sono dei deejay radiofonici: da quel momento Roxanne sarà suonata da tutte le radio più importanti dello Stato di New York. Da quel momento, nasce il mito dei Police.

  • LE TRACCE
Testi e musiche di Sting, eccetto dove indicato.
 
Next to You – 2:55
So Lonely – 4:50
Roxanne – 3:12
Hole in My Life – 4:55
Peanuts – 4:02 (Sting, Stewart Copeland)
Can’t Stand Losing You – 2:59
Truth Hits Everybody – 2:55
Born in the ’50’s – 3:45
Be My Girl – Sally – 3:24 (Sting, Andy Summers)
Masoko Tanga – 5:42

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *