Roger Waters non si ferma: Voglio salvare altri ragazzi

No, Ayyub e Mahmud, non saranno gli unici bambini ad essere aiutati e salvati da Roger Waters.

Nei giorni scorsi il ‘Genio Creativo dei Pink Floyd’ è stato protagonista di una straordinaria iniziativa.

Ha infatti messo a disposizione l’aereo da Trinidad per la mamma dei piccoli, Felicia, e un secondo con direzione Svizzera per tutti dopo esser entrati nel più sicuro territorio curdo-iracheno.

Tutto questo è stato possibile grazie a Clive Stafford Smith, direttore legale di Reprieve charity, una organizzazione no-profit di avvocati e investigatori internazionali che lotta per i diritti umani, amico di Waters,

Li ha praticamente salvati dopo 5 anni di lontananza forzata dal padre che li aveva rapiti per andare in Siria per combattere per l’Isis.

Come riporta la Bbc, Waters ha detto di sperare di portare a termine altre missioni simili di salvataggio. “È stata la prima volta, ma spero che non sarà l’ultima”, ha detto Waters a Bbc News.

Waters ha spiegato di aver raggiunto Irbil, nord dell’Iraq, e di aver smosso anche “il ministro degli Esteri e il Governatore dello Stato” e alla fine i permessi sono arrivati.

Come pure è arrivata l’ansia, così forte “che mi sono strappato i capelli”, ha raccontato ancora Waters.

Finché, dopo 15 ore Felicia e i due ragazzi “sono arrivati in Hotel verso l’una e mezza del mattino ed è stato un momento di felicità per tutti noi”.

I ragazzi erano in buona salute, ha spiegato: “Sembravano ben nutriti, ovviamente sorpresi, sbalorditi”.

Per l’artista britannico, infatti, “non si può immaginare quanto sia difficile, soprattutto per il bambino di sette anni, rivedere la madre.

Waters ha quindi detto di voler aiutare perché quando vede i bambini sofferenti in tv vorrebbe “saltare attraverso lo schermo e accoglierli per dare loro da mangiare e salvarli dal male”.

Non saranno probabilmente gli unici bambini salvati da Waters.

“Ho tempo perché ho appena finito un tour di due anni e all’improvviso ho un po’ di tempo per fermarmi un po’- ha spiegato- Quindi essere in grado di poterlo usare per salvare questi due bambini è stato fantastico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *