L’infinita beneficenza di Gilmour: all’asta le sue 120 chitarre

Una collezione incredibile, un gesto straordinario.

Se Roger Waters ha fatto vedere di avere un cuore grande, salvando due bambini rapiti dal papà e portati in Siria per combattere con l’Isis, anche David Gilmour ha dimostrato di non essere da meno.

Christie’s,la più grande casa d’aste al mondo, ha infatti annunciato di aver messo all’asta oltre 120 chitarre dalla collezione personale del chitarrista dei Pink Floyd, tra cui l’iconica Fender Stratocaster che ha suonato in The Dark Side of the Moon, Wish You Were Here, Animals e The Wall.

La ‘Black’ Fender Stratocaster del 1969 di David Gilmour ha guadagnato il suo posto nella storia del rock’n’roll. Conosciuta come ‘The Black Strat’, è stata acquistata nel 1970 a New York, ed è diventata lo strumento che più ha identificato Gilmour nel corso di quasi 50 anni di carriera.

I proventi della “vendita più ampia e completa di chitarre mai messe all’asta”  andranno a beneficio di cause benefiche.

“Queste chitarre mi hanno dato tanto, ed è ora che passino ad altre persone che spero troveranno gioia e forse creeranno qualcosa di nuovo”, ha detto Gilmour.

Ora, però, la domanda è una: con questa decisione, appunto vendere la sua collezione di chitarre, Gilmour ha definitivamente messo la parola fine sulla sua carriera?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *