Mason ci riprova: Una serata al pub per la pace tra Gilmour e Waters

Una serata in un pub. Per rimettere insieme i cocci di un rapporto che dura da oltre 50 anni, tra alti (pochissimi) e bassi (un’infinità).

Una serata in un pub. Per seppellire la famosa ascia di guerra, trasformare in amici due che non si amano per niente, e magari per far sognare i milioni di fan dei Pink Floyd.

La formula di Nick Mason, per riavvicinare (o avvicinare) Roger Waters e David Gilmour, due che pubblicamente hanno sempre detto di non essere amici.

Intervistato da kshe95.com, ha detto la sua sul rapporto difficile tra Waters e Gilmour. Per mettere pace tra i due litiganti, per Mason servirebbe “probabilmente una serata in un pub”.

Probabilmente, visto che “non ne sono sicuro” ma “non si può mai dire, a volte le persone continuano a litigare per il resto della loro vita, a volte basta un momento per riportarlo indietro “. E se fosse per lui, una serata ad un pub già ci sarebbe stata, lui che una reunion dei Pink Floyd la sogna praticamente da sempre.

Mason è l’unico membro della band ad essere stato presente in tutti gli album pubblicati: “Non sono sicuro, ci sono forse due o tre tracce in cui non ho suonato- ha spiegato- Ma sì, è un bel pensiero. Doveva esserci maggior riconoscimento per me? In realtà, se doveva esserci, probabilmente per Rick”, ha detto rendendo onore al compianto Wright.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *