18 anni senza Joey Ramone, l’indimenticato Padrino del punk

Un pezzo di storia, vitale, del punk.

Sono già passati 18 anni dall’addio a Jeffrey Ross Hyman, Joey Ramone per tutti, musicista, cantante.

E soprattutto la voce del punk rock americano (e internazionale), nato batterista, diventato cantante per necessità (dei Ramones, Dee Dee non riusciva a suonare il basso e a cantare).

Con i Ramones prima, da solista poi, ha inciso pezzi fondamentali per il punk, conquistando un ruolo fondamentale, andando quasi toccare la sacralità di altre band.

Come confermato dallo stesso Joey, che una volta disse: “Ci sembrava con i Sex Pistols di diventare come i Beatles ed i Rolling Stone degli anni sessanta”.

Peccato che poco dopo i Ramones si sarebbero sciolti.

Per lui, però, il successo sarebbe arrivato ancora, pure nella carriera da solista.

E questo già con il primo album, Don’t Worry About Me, che contiene pezzi originali e due cover: 1969 degli Stooges e una versione punk di What a Wonderful World di Louis Armstrong, e sia l’EP Christmas Spirit…In My House.

Joey Ramone

Joey era nato a New York il 19 maggio 1951 e nella stessa Grande Mela se n’è andato il 15 aprile del 2001, a neanche 50 anni per colpa di un tumore al sistema linfatico.

Non aveva ancora cinquant’anni, stava ascoltando il brano In a Little While degli U2.

La figura di Joey non è mai passata inosservata. Il 19 maggio, il giorno che avrebbe dovuto essere il suo 50º compleanno, viene proclamato “Joey Ramone Day”, in suo onore. Dal 2001 si tiene annualmente il Joey Ramone Birthday Bash, durante il quale per l’occasione vengono suonati dei classici dei Ramones.

Nel settembre 2010 l’Associated Press riportò una notizia secondo cui la targa indicante il Joey Ramone Place era la targa più rubata nell’intera città di New York.

Il 27 settembre, appena qualche giorno dopo, la targa fu spostata ad un’altezza di 6 metri.

E poi È apparso, insieme ai Ramones nel cartone animato de I Simpsons, nel quarto episodio della quinta stagione.

Per Mtv, invece, “i suoi marchi di fabbrica come la giacca di pelle nera, i capelli lunghi fino alle spalle, i jeans strappati e la sua voce semplicemente stupenda fanno di Joey Ramone il padrino del punk”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *