Auguri Pete Townshend, teatrale chitarra degli Who

74 candeline per Pete Townshend, nato a Chiswick, West London, il 19 maggio 1945.

Inevitabile la passione per la musica per il futuro chitarrista degli Who. Infatti suo padre Cliff suonava il sax tenore negli Squadronaires, banda della RAF, mentre sua madre Betty Dennis era una cantante professionista.

Pete Townshend

La folgorazione per il rock arriva grazie al film Rock Around the Clock.
Dopo aver imparato i primi accordi alla chitarra, il suo primo “vero” strumento fu un banjo, che suonava nei Confederates, la band traditional jazz della scuola.

Nel gruppo, alla tromba, vi era anche John Entwistle e dopo che questi iniziò a suonare il basso i due entrarono in un altro complesso della scuola, The Scorpions, con Pete alla chitarra. Pete e John frequentavano entrambi la Acton County School, assieme anche a Roger Daltrey, di un anno più grande, che aveva una sua band chiamata The Detours.

Roger chiese a John di entrare a far parte della band, il nucleo originario dei The Who era fatto, dopo che John riuscì a persuadere Roger riguardo all’ingresso di Pete nel gruppo.

Dai primi classici singoli di tre minuti come I Can’t Explain, Substitute e My Generation, passando successivamente per le grandi opere rock quali Tommy, Lifehouse e Quadrophenia, Townshend si guadagnò il titolo di uno dei più grandi musicisti e compositori in campo rock.

Non solo. In concerto divenne famoso come chitarrista forse più teatrale della sua generazione (e di quelle future), vagando per il palco, saltando e roteando il braccio nel suonare accordi col windmill (“mulinello”).

Torna con i vecchi compagni nel 1989, portando Tommy in tutto il mondo per festeggiare il 25º anniversario del gruppo; tocca poi a Quadrophenia nel 1996/’97. Altri tour con gli Who nel 1999, 2000 e 2002 (adesso senza Entwistle, tragicamente scomparso alla vigilia della tranche statunitense del tour), e poi ancora nel 2004, che vede l’arrivo di due nuovi pezzi poi pubblicati nella raccolta The Who: Then and Now, Real Good Looking Boy e Old Red Wine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *