Emozione HARVEST tra folk e country: compie 45 ANNI il capolavoro di NEIL YOUNG (VIDEO)

La sognante ‘Harvest’, la droga in ‘The Needle and the Damage Done’, il razzismo in ‘Alabama’. Moltitudine di sonorità e di temi per un capolavoro che sopravvive nel tempo, che ha anticipato quel folk rock dei giorni nostri che invece nulla di nuovo ha portato.

In una parola ‘Harvest‘, lo straordinario album di Neil Young pubblicato il 14 febbraio del 1972. Una copertina leggendaria, piuttosto semplice, per un album al contrario complesso quanto di grande qualità, pieno di ospiti straordinari come la London Symphony Orchestra, Linda Ronstadt, Stephen Stills, Graham Nash, David Crosby, e James Taylor.
Harvest ci regala un Neil Young in straordinaria fase creativa, capace di offrire una strepitosa moltitudine di sonorità, tra ballate, valzer country, alle sonorità della Symphony Orchestra, passando per i cori di accompagnamento di David Crosby, Stephen Stills e Graham Nash. Ma soprattutto, è un album per nulla banale o scontato, per niente leggero decisamente complicato e complesso a proposito dei temi affrontati, dal razzismo alla droga. Soprattutto, sono due le canzoni  in cui a viso aperto ne parla e senza alcuna timidezza.

In  ‘The Needle and the Damage Done’, registrata dal vivo in un’esibizione alla UCLA Royce Hall di Los Angeles il 30 gennaio 1971, racconta l’effetto distruttivo dell’eroina sulle persone, con particolare a Danny Whitten, chitarrista dei suoi Crazy Horse, la cui tossicodipendenza e conseguente morte ebbe un profondo effetto sulla personalità di Young condizionandone la creatività, l’emotività e la carriera negli anni a venire. Celeberrimo, incredibile l’arpeggio alla chitarra acustica presente nell’introduzione del pezzo.

Invece in Alabama tocca lo scottante tema del razzismo in questo Stato nei confronti dei neri. Per questa canzone il rocker canadese ricevette numerose critiche sia dal mondo politico che da quello artistico. La prova più evidente è nella risposta – marcatamente nazionalistica – da parte dei Lynyrd Skynyrd con la loro Sweet Home Alabama del 1974.

 

Queste le tracce:

Lato 1

  1. Out on the Weekend – 4:35
  2. Harvest – 3:03
  3. A Man Needs a Maid – 4:00
  4. Heart of Gold – 3:05
  5. Are You Ready for the Country? – 3:21
Lato 2
  1. Old Man – 3:22
  2. There’s a World – 3:00
  3. Alabama – 4:02
  4. The Needle and the Damage Done – 2:00
  5. Words (Between the Lines of Age) – 6:42

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *