Francesco Guccini, Simone Cristicchi, Tazenda, The Zen Circus e gli otto finalisti della sezione Nuovi Cantautori sono stati i protagonisti della finale che si è svolta sabato al Teatro Storchi di Modena per il Premio Pierangelo Bertoli.

Giunto alla quinta edizione, il premio nasce per premiare i cantautori che “siano capaci di arrivare al cuore della gente, attraverso i contenuti dei loro testi in primis, l’impegno sociale e il non uniformarsi alle tendenze di pensiero e di moda attuali”. Quest’anno è stato assegnato a Francesco Guccini: esponente di spicco della scuola dei cantautori italiani, artista “simbolo”, a cavallo di tre generazioni, ha inciso più di 15 album (come richiesto dal regolamento del Premio).

Nel corso della serata, condotta da Andrea Barbi, sono stati conferiti anche il Premio Pierangelo Bertoli “Italia d’oro” a Simone Cristicchi, il Premio Bertoli “A muso duro” al gruppo musicale Tazenda, il Premio Bertoli “Per dirti t’amo” a The Zen Circus.

La giuria, composta da Giancarlo Governi, Leo Turrini, Paola Gallo, Dario Salvatori, Guido De Maria, ha decretato il vincitore della serata tra gli otto artisti arrivati in finale. Il Premio Bertoli Nuovi Cantautori, che grazie alla partnership con SIAE quest’anno consiste anche in un riconoscimento in denaro pari a 3 mila euro, è stato assegnato a Salvario da Torino con “Canzonetta da bar”. Questi gli altri finalisti: Gloria Galassi da Cesena con il brano “In un campo di grano”; Alice Guerzoni da Ferrara con “Che rumore fanno i sogni”; Pierpaolo Iermano da Napoli con “Bagnoli Babylon”; Piccola Orchestra Karasciò da Bergamo con “Tabula rasa”; Giuseppe Libè da Piacenza con “Aria nuova”; Livio Livrea da Roma con “Nonostante tutto”; Alessandro Zanolini da Piacenza con “È la vita che hai scelto”. I cantautori selezionati sono stati accompagnati nella loro esibizione dalla band composta proprio dai musicisti di Pierangelo Bertoli, diretta da Marco Dieci.

Annunci