Parlare di Freddie Mercury descrivendolo a parole è impossibile, ed è per questo che è bene lasciare che siano le immagini a parlare.
Ecco l’estratto di uno dei live più belli di sempre, quello avvenuto a Wembley il 12 luglio 1986.

Un’improvvisazione da sogno, che seguiva il brano ‘Kind of Magic’ e introduceva ‘Under Pressure’. Il pubblico c’era, era lì per ascoltare i Queen, e Freddie lo voleva sentire.
“Freddie è l’unico che riesce a coinvolgere e a far battere le mani all’ultima fila di Wembley”, hanno dichiarato Mick Jagger e Brian May, in un’intervista.
Il look eccentrico, il carisma invidiabile, la voce intensa e potente: ogni parola di fronte all’anniversario della scomparsa di un talento così grande sembra insufficiente a descriverlo.

Non è solo la sua musica a trasmettere emozioni infinite, ma sono anche i testi delle sue canzoni ad essere straordinari e pieni di significato:

– “Quando l’amore finisce, quando spunta la luce dell’alba, nasce una nuova vita”, da Breakthru

– “Non è facile amare, ma se hai degli amici puoi fidarti. Gli amici ti saranno amici, quando hai bisogno di amore loro ti danno cura e attenzione, gli amici ti saranno amici, quando sei in fin di vita e tutti sperano che sia finita, porgi le tue mani perché gli amici saranno amici, fino alla fine”, da Friends Will Be Friends.

– “E’ una vita dura, stare insieme come veri amanti, amare e vivere per sempre, ciascuno nel cuore dell’altro. E’ una battaglia lunga e difficile, imparare a prendersi cura l’un dell’altro, credere l’uno nell’altro dal principio, quando sei innamorato”, da It’s a Hard Life.

– “Troppo amore ti ucciderà, come quando non ne hai affatto, prosciugherà la forza che c’è in te. Ti farà implorare, gridare e strisciare, e il dolore ti renderà pazzo. Sei la vittima del tuo stesso crimine, troppo amore ti ucciderà , ogni volta”, da Too Much Love Will Kill You.

– “Non c’’è tempo per noi, non c’è spazio per noi. Cos’è che costruisce i nostri sogni, eppure ora scorre via? Chi vuol vivere per sempre, chi vuol vivere per sempre? Non abbiamo scelta, il nostro destino è già stato deciso, questo mondo ha un solo dolce momento messo da parte per noi” , da Who Wants To Live Forever.

– “Sai che ogni giorno nasce un bambino indifeso, che ha bisogno di amore dentro una casa felice. Da qualche parte un uomo benestante è seduto sul suo trono, in attesa che la vita continui. E’ questo il mondo che abbiamo creato, è diventato tutto nostro. E’ questo il mondo che abbiamo creato, distrutto fino all’osso. Se c’è un Dio nel cielo che guarda giù, cosa può pensare di quello che abbiamo fatto al mondo che ha creato?” , da Is This The World We Created.

I successi ottenuti da Freddie durante la sua carriera parlano da soli, quindici album incisi con i Queen, due da solista, di cui uno realizzato con il soprano spagnolo Montserrat Caballè.
Fu però con l’aggravarsi della sua malattia (era infatti sieropositivo), che Freddie iniziò a scomparire dalla vita pubblica, ritirandosi a vita privata.
Nonostante la grande sofferenza fisica causatagli dall’AIDS, il frontman dei Queen non si è comunque mai dimenticato dei suoi fan che lo amavano, anche nella malattia. Ne è la prova il video di There Are the Days Of Our Lives, in cui visibilmente dimagrito, negli ultimi secondi di riprese guarda la telecamera e dice “I still love you”, “Vi amo ancora”.

Si tratta dell’ultimo video registrato da Freddie, prima di spegnersi nella sua casa a Londra il 24 novembre 1991, all’età di 45 anni.
Il videoclip fu girato sei mesi prima della sua morte, nel maggio del 1991, e fu pubblicato dalla band solo dopo il suo decesso, su sua esplicita volontà. Il frontman dei Queen non voleva far vedere ai media quanto fosse malato, per non angosciare i suoi fan.
Anche per questo il video fu girato in bianco e nero, per cercare di mascherare il più possibile la sofferenza di Freddie.

La malattia progredì purtroppo molto velocemente, e Freddie riuscì a dare ufficialmente al mondo la notizia di essere malato appena 24 ore prime della sua morte, tramite un comunicato stampa in cui chiedeva il sostegno di tutti i suoi fan.
Non ci fu il tempo però, affinché tutti facessero sapere a Freddie quanto lo amavano, e questo ha contribuito ad alimentare la mitizzazione del suo personaggio, che era già ampiamente diffusa mentre era ancora in vita.
Basti pensare che a seguito della sua scomparsa i fan hanno creato una versione alternativa di These Are The Days of Our Lives, a colori.
Dalle riprese restaurate e a colori è possibile vedere quanto fossero gravi le condizioni di salute di Freddie, che faceva addirittura fatica a camminare nelle riprese, tanto che nel video lui è quasi sempre fermo in piedi.
Nonostante lo sforzo fisico enorme a cui si sottopose per effettuare le riprese, Freddie non si fermò, perché show doveva andare avanti, oggi e sempre.

Oggi, a 26 anni dalla sua morte, ai fan non resta che attendere l’uscita del film intitolato ‘Bohemian Rhapsody‘, in cui verrà raccontata la sua biografia e che sarà prodotto dalla 20th Century Fox, da New Regency e da GK Films. Al momento si sa solo che le riprese hanno avuto inizio i primi mesi del 2017.
Chi intepreterà Freddie? Il vincitore degli Emmy Rami Malek.
Non ha certo un compito facile Rami, che dovrà impersonare uno dei frontman più grandi della storia, ma siamo davvero curiosi della sua interpetazione, e non ci resta che attendere fiduciosi.

 

Annunci