Troppe pressioni, LORDE annulla concerto a Tel Aviv

Alla fine anche lei è entrata nel vortice delle polemiche legate ai concerti in Israele. Lorde è un giovanissima popstar neozelandese che il 5 giugno del 2018 avrebbe dovuto cantare a Tel Aviv, portando così le nuove canzoni dell’ultimo album, ‘Melodrama’, pubblicato nel 2017.

Lorde aveva annunciato la data del 5 giugno, all’interno del tour, appena una settimana fa: si è però subito trovata a confrontarsi con le critiche dei militanti del suo paese e internazionali, favorevoli al boicottaggio israeliano.

“Ho ricevuto un numero enorme di messaggi e di lettere  e credo che la decisione migliore, ad oggi, sia quella di annullare il concerto– si legge in una nota diffusa a proposito della cancellazione della tappa israeliana- Sono veramente dispiaciuta, spero un giorno che potremo tutti ballare”, ha detto rivolta ai suoi fans.

Ormai la questione legata ai concerti da tenere, o meno, in Israele sta assumendo contorni importanti: degli scorsi mesi è la polemica tra i Radiohead e Roger Waters, quest’ultimo convinto assertore del boicottaggio, mentre i primi hanno voluto dare il segnale contrario, scegliendo di onorare l’impegno preso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *