Alieno ribelle, genio ma anche eroe: Buon Compleanno David Bowie

Innovatore, provocatore, uno dei più influenti artisti di sempre. E non solo. Perché mai si dovrebbe finire di parlare, di trovare aggettivi per uno come David Bowie, uno che quando vieni a sapere della sua morte, resti colpito anche se non ami troppo la sua musica, se non è il genere che prediligi. Perché in qualche modo Bowie lo hai vissuto, ascoltato, scoperto, respirato o semplicemente ti sei chiesto, da profano (perché no?): “Di chi sarà mai la musica della pubblicità di questa automobile?”.
Alcune settimane fa il portale canadese Watchmojo.com lo ha inserito al secondo posto, alle spalle dei Beatles, in una speciale classifica dei più influenti artisti britannici di sempre.
David Bowie, pseudonimo di David Robert Jones, era nato a Londra l’8 gennaio del 1947, se n’è andato giovanissimo, il 10 gennaio del 2016, a New York. Decine e decine gli album di questo grande cantautore, produttore, polistrumentista, alieno, genio, oltre ad una serie incredibile di collaborazioni con artisti incredibili.  E poi le canzoni con  cui ha emozionato, regalato brividi come “Heroes”, “Life on Mars”, “Space Oddity”, “Rebel rebel”, oltre ai vari “Let’s dance” e “Under the god”.  La sua natura poliedrica e camaleontica lo portò a reinventare nel tempo il proprio stile e la propria immagine, creando numerosi alter ego, il più noto certamente Ziggy Stardust.
Ma il White Duke, il Duca Bianco, si dedicò anche alla pittura e al cinema. Tra i vari film in cui recitò, vi sono L’uomo che cadde sulla TerraFuryoLabyrinthBasquiat.
Per Rolling Stone al 23esimo posto nella classifica dei 100 migliori cantanti, Life on Mars? si trova al primo posto tra le 100 migliori canzoni di tutti i tempi del Daily Telegraph. L‘8 gennaio 2016, nel giorno del suo 69º compleanno, è uscito Blackstar, suo ultimo lavoro in studio, mentre nella notte tra il 10 e l’11 gennaio, quindi un paio di giorni dopo, il cantautore è morto a causa di un tumore al fegato che non gli ha lasciato scampo nonostante una lotta di 18 mesi in gran segreto (secondo qualcuno avrebbe fatto ricorso all’eutanasia).
Una scomparsa che sconvolse il mondo, artisti come Mick Jagger (“Siamo profondamente rattristati nell’apprendere della morte del nostro caro amico David Bowie. Non solo era un uomo meraviglioso e gentile ma era un artista straordinario”) ma anche tanta tanta gente comune, fan e non solo. Come si deve ad un grande artista.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...