Buon compleanno Jimmy Page, 74 anni a tutto rock

“Volevo un controllo artistico stretto e assoluto”. Ma attenzione, perché qui ‘dittatura’ artistica o egocentrismo non c’entrano nulla. Ce ne fossero di artisti con la sicurezza, o meglio con la certezza dell’obiettivo da raggiungere come quella di James Patrick ‘Jimmy’ Page, lo straordinario chitarrista dei Led Zeppelin che oggi, 9 gennaio, festeggia 74 anni. “Volevo un controllo artistico stretto e assoluto, perché sapevo precisamente cosa volevo dai miei ragazzi”, ha raccontato in una intervista di qualche anno fa.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=hBbWZ79uP1Y&w=560&h=315]

Nato nel 1944 a Londra, chitarrista e compositore, considerato uno dei più influenti di sempre, per le riviste specializzate forse solo Jimi Hendrix, secondo alcuni anche Eric Clapton, sono considerati superiori nelle classifiche, nelle fantomatiche ‘top 100’ di tutti i tempi. Come si è visto, molto determinato, Page ad appena 22 anni fa già capire a che livello è con gli Yardbirds, insieme ad un altro fenomeno della chitarra, Jeff Beck (curioso come questa band abbia avuto la fortuna di poter schierare oltre a loro anche un altro talento straordinario, appunto Eric Clapton). Ma dopo l’addio di Beck e quello successivo del cantante Keith Relf e del batterista Jim McCarty, Page si trovò costretto a cercare sostituiti per onorare gli impegni presi per una serie di concerti, in autunno, in Scandinavia.

15541970_10154881838667612_23141140587685017_n

Una serie di addii, di matasse da districare, che avrebbero messo ko (forse) chiunque. Ma non Jimmy. Dopo aver scoperto Robert Plant, dopo aver trovato John Bonham, amico di vecchia data del futuro cantante degli Zep, e il bassista John Paul Jones, con loro diede vita ai New Yardbirds, era il 5 agosto del 1968. Completamente diversi l’uno dall’altro, “chissà come la divina provvidenza ci ha messo insieme”, ha raccontato in un’altra intervista.

Dai New Yardbirds ai Led Zeppelin il passo fu breve. Brevissimo. Proprio il tour in Scandinavia, infatti, fu una sorta di prova generale per il primo, storico album della band, ‘Led Zeppelin’, che “andò a comporsi rapidamente- ha detto ancora Page- poco dopo la nascita della band”. Insomma, un colpo di fulmine artistico. Incredibile.

Coautore e produttore della band, con i Led Zeppelin ha scritto memorabili pagine della storia del rock. Eterni gli assoli nei grandi successi della band: detto di Stairway To Heaven, l’intro di Whole Lotta Love, poi Babe I’m Gonna Leave You, Since I’ve Been Loving You.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=PgA76eq2RTU&w=560&h=315]

Recentemente ha rivelato che quest’anno, per i 50 anni dei Led Zeppelin, uscirà del materiale inedito della band.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=CBk-iRihSUg&w=560&h=315]

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=tK1p4ZaTM10&w=560&h=315]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *