49 anni fa usciva 'LED ZEPPELIN'. E aveva inizio la LEGGENDA

Trenta ore. Pensandoci, poco, pochissimo. Eppure tanto bastò ai Led Zeppelin per dare alla luce il primo album, la prima opera d’arte della loro incredibile infinita storia d’amore con la musica.

Era il 12 gennaio del 1969 quando Robert Plant, Jimmy Page, John Paul Jones, John Bonham pubblicavano l’omonimo ‘Led Zeppelin’, il primo album della ‘più grande rock band di tutti i tempi’. Furono 45 minuti registrati e mixati in appena 30 ore. Un album forte, oggi forse il più arrabbiato degli Zep.

Tutto nacque da una serie di addii, che ridussero drasticamente gli Yardbirds di Jimmy Page. Che non subì il colpo ma, anzi, reagì mettendo insieme Bonham, Plant, Jones, con cui fece nascere i New Yardbirds, il 5 agosto del 1968. C’erano da onorare degli impegni in Scandinavia, concerti che furono una sorta di prova generale proprio per ‘Led Zeppelin’.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=3eC8ASAnzhM&w=560&h=315]

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=FSiUTSJ2NWY&w=560&h=315]

 

Album a forti tinte di un blues psichedelico, contiene versioni ‘stravolte’ di You Shook Me e I Can’t Quit You Baby di Willie Dixon. Trenta ore per un capolavoro furono possibili anche perché i brani, che erano già stati ampiamente provati dagli Yardbirds (How Many More Times, Communication Breakdown e soprattutto Dazed and Confused) e portati in concerto dai New Yardbirds. Alla storia anche per la copertina, in cui si rielabora un fotogramma del disastro dello Zeppelin LZ 129 Hindenburg avvenuto il 6 maggio 1937, l’album è uscito in Inghilterra il 31 marzo 1969 ed è stato disco d’oro il 22 luglio del 1969. 

  1. Good Times Bad Times
  2. Babe I’m Gonna Leave You
  3. You Shook Me
  4. Dazed and Confused
  5. Your Time Is Gonna Come
  6. Black Mountain Side
  7. Communication Breakdown
  8. I Can’t Quit You Baby
  9. How Many More Times

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=dLB6i-Sg0lA&w=560&h=315]

 

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=pB8JXBTmHXY&w=560&h=315]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *