Tanti auguri a TULLIO DE PISCOPO!

Tanti auguri a Tullio De Piscopopercussionista e cantautore italiano, nato a Napoli il 24 febbraio 1946.
Tullio,
che oggi compie 72 anni, ha suonato la batteria nei dischi dei più noti cantanti italiani, da Milva, passando per Mina, Celentano, Ennio Morricone, Giorgio Gaber, Ornella Vanoni, Iva Zanicchi, Franco Battiato, fino a Pino Daniele.
Tullio scopre le percussioni fin da piccolissimo: anche suo padre era percussionista e suonava nell’orchestra del Regio Teatro San Carlo di Napoli.
Nel 1969, all’età di ventitré anni, Tullio si trasferì a Torino, riuscendo ad affermarsi sulla scena musicale e ottenendo una scrittura come batterista fisso allo Swing Club, locale jazz torinese dell’epoca.
Nel 71 De Piscopo decise di andare a Milano, dove iniziò a collaborare con artisti stranieri in tournée in Europa, iniziando a produrre nel 74 il suo primo album da solista.
Con 26 album pubblicati dal 1974 al 2013, due raccolte e due antologie, fu anche batterista nel gruppo di Pino Daniele nei dischi ‘Vai mo’, ‘Bella ‘mbriana’, ‘Sciò’, ‘Common Ground’, ‘Acqua e Viento’, ‘Assaje’, ‘Ricomincio da 30′ e ‘Anema e core’.
Proprio con il tour di ‘Vai mò’ si avviò una delle collaborazioni destinate a segnare per sempre il destino di Pino e di Tullio: quella con James Senese al sax, Tullio De Piscopo e Tony Esposito alle percussioni, Joe Amoruso al piano, Rino Zurzolo al contrabbasso e Pino Daniele voce e chitarra.

Intensa l’amicizia di Tullio con Pino:“Di Pino ero innamorato, gli accarezzavo i capelli, lo coccolavo. Quando è morto io ero perso, non riuscivo più a sentire musica”, ha dichiarato Tullio a pochi mesi dalla scomparsa dell’amico di sempre.
Autore di numerose colonne sonore e di un libro autobiografico intitolato ‘Tempo! La mia vita’, Tullio dal 2007 è direttore artistico del Festival Sorrento Jazz.
Oggi, dopo aver sconfitto un cancro, Tullio continua a suonare e ad insegnare ai ragazzi dettato ritmico e batteria presso la Nuova Accademia di Musica Moderna in Via Ponte Seveso a Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *