PINK FLOYD, 24 anni fa usciva The Division Bell

Puo’ essere considerato come l’ultimo effettivo disco dei Pink Floyd. Perché The Endless River, pubblicato nel 2014, album prevalentemente strumentale, è basato su materiale inedito che il gruppo registrò con Wright durante le sessioni di The Division Bell nel 1993.

Al contrario del precedente The Division Bell, quattordicesimo album in studio della band britannica, scritto da David Gilmour e Richard Wright (e da Polly Samson)  e che oggi, 28 marzo 2018, festeggia i suoi primi 24 anni, essendo stato pubblicato nel 1994 nel Regno Unito dalla EMI e il 4 aprile dello stesso anno negli Stati Uniti d’America dalla Columbia Records.

Pubblicato dopo A Momentary Lapse of Reason, il primo dopo l’addio di Roger Waters,  al centro ha l’incomunicabilità tra gli individui, problema con cui tutti e tre i componenti avevano avuto, in qualche modo, a che fare tra cause legali sulla questione dei diritti sull’utilizzo del nome del gruppo e divorzi.

Nel gennaio del 1994, pochi mesi prima dell’uscita dell’album, la band era ancora indecisa su quale titolo dare al nuovo album: diversi quelli provvisori, poi non scelti, come Pow Wow e Down to Earth. Nel corso di una serata, durante una cena con Gilmour, di cui era amico, e Mason, lo scrittore Douglas Adams, si offrì di trovare un titolo al disco in cambio di un’offerta di 5.000 sterline da devolvere  ad una associazione benefica. Suggerì di intitolarlo The Division Bell (parole tratte dal testo di High Hopes, brano presente sul disco), e il gruppo accettò.

Il titolo del disco è un riferimento alla “division bell” del parlamento inglese. Lo stesso Adams comparve, come regalo per il suo quarantaduesimo compleanno, in una serata del tour che fece seguito al disco suonando la chitarra ritmica in Brain Damage ed Eclipse (due canzoni tratte da The Dark Side of the Moon).

Il collaboratore di lunga data dei Floyd, Storm Thorgerson, si occupò della grafica di copertina.

TRACKLIST

  1. Cluster One – 6:00 (musica: Richard Wright, David Gilmour)
  2. What Do You Want from Me – 4:21 (testo: Polly Samson, David Gilmour – musica: David Gilmour, Richard Wright)
  3. Poles Apart – 7:04 (testo: Polly Samson, David Gilmour, Nick Laird-Clowes – musica: David Gilmour)
  4. Marooned – 5:30 (musica: Richard Wright, David Gilmour)
  5. A Great Day for Freedom – 4:17 (testo: Polly Samson, David Gilmour – musica: David Gilmour)
  6. Wearing the Inside Out – 6:47 (testo: Anthony Moore – musica: Richard Wright)
  7. Take It Back – 6:12 (testo: Polly Samson, David Gilmour, Nick Laird-Clowes – musica: David Gilmour, Bob Ezrin)
  8. Coming Back to Life – 6:20 (David Gilmour)
  9. Keep Talking – 6:10 (testo: Polly Samson, David Gilmour – musica: David Gilmour, Richard Wright)
  10. Lost for Words – 5:14 (testo: Polly Samson, David Gilmour – musica: David Gilmour)
  11. High Hopes – 8:30 (testo: Polly Samson, David Gilmour – musica: David Gilmour)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *