‘Tonight’s The Night’ per ricordare Danny Whitten: oggi avrebbe 75 anni

“Questo album è stato realizzato per Danny Whittern e Bruce Berry che sono vissuti e morti per il rock and roll”. Una dedica rimasta scolpita nella storia del rock grazie a Neil Young che ha voluto ricordare uno dei fondatori dei Crazy Horse, la band che lo accompagna, ovvero Whitten, e uno dei tecnici che ha lavorato proprio con Young e con Crosby, Stills e Nash. Il cantautore canadese ha voluto così ricordare Whitten e Berry, scomparsi a causa degli abusi di droga e alcol, dedicando loro Tonight’s The Night, un album cupo, triste, quasi straziante, un po’ come fecero i Pink Floyd con Syd Barrett.


E proprio Whitten,  cantautore e chitarrista statunitense, oggi avrebbe compiuto 75 anni. Era infatti nato a Columbus, l’8 maggio 1943 e fu uno dei membri fondatori dei Crazy Horse, lo storico gruppo che accompagna Neil Young. Ma Whitten è noto anche per essere l’autore del brano I Don’t Want to Talk About It, interpretata con successo anche un artista come Rod Stewart.

Come detto, Tonight’s The Night è un album in cui la presenza di Whitten è più che palpabile. All’origine dell’album il disastroso tour di Time Fades Away, nell’estate del 1973 Young si reca alle Hawaii per una vacanza insieme a David Crosby, Stephen Stills e Graham Nash. Proprio lì giunge come un fulmine a ciel sereno la ferale notizia della morte di Bruce Berry a causa di un’overdose di eroina. Unita al dolore provato per la recente scomparsa di Danny Whitten (sempre per droga), la notizia sconvolge emotivamente Young che, con l’aiuto del produttore David Briggs, riunisce i restanti membri dei Crazy Horse (Billy Talbot e Ralph Molina) con l’aggiunta di Ben Keith e Nils Lofgren per chiudersi in studio di registrazione. Briggs sceglie una sala prove ricavata dal retro di un garage, lo Studio Instrument Rentals a Hollywood, California. La voce di Whitten spicca in Come on Baby Let’s Go Downtown.

Whitten è morto a Los Angeles il 18 novembre 1972.

 

                                                   

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *