Otto anni fa l’addio a Ronnie James DIO, la voce (e le corna) del metal

Una voce unica, un passato incredibile. Sono passati otto anni dalla prematura scomparsa di Ronnie James Dio, pseudonimo di Ronald James Padavona, cantautore statunitense heavy metal, ex di storici gruppi come Rainbow e Black Sabbath, prima di arrivare a fondare poi fondato un proprio gruppo di grande successo, noto come Dio.

Nato a Portsmouth il 10 luglio 1942, crebbe a Cortland, New York e ancora adolescente iniziò a suonare la tromba in gruppo rockabilly utilizzando lo pseudonimo “Ronnie Dio”. Il termine Dio non venne scelto per riferimenti religiosi ma ispirandosi a un gangster statunitense di origini italiane, Johnny Dio. Ma Ronnie  è considerato anche l’inventore e diffusore del gesto delle corna nell’ambito dell’heavy metal. Secondo una versione fornita dallo stesso cantante,[4] l’atto deriverebbe direttamente dal classico gesto apotropaico, che sua nonna faceva spesso. Va però detto che la paternità del celebre gesto è contesa, ne esistono due di versioni: una con due dita alzate (indice e mignolo) e l’altra con tre (indice, mignolo e pollice). Quest’ultima, simbolo d’amore nel mondo hippie, venne introdotta dai Beatles nell’album Yellow Submarine del 1968 (fu John Lennon a essere ritratto mentre faceva le corna).

A far diventare le corna un tratto distintivo dell’iconografia rock e metal fu però James Ronnie Dio, dei Black Sabbath, che si esibì nel noto gesto in un tour del 1980: a ispirarlo, disse, era stata la nonna italiana, che usava spesso “fare le corna” a fini scaramantici. Circa un anno fa, però, il bassista e cantante dei Kiss, Gene Simmons, che voleva registrarne il marchio, disse che Ronnie stesso me lo ha detto una volta e io gli ho risposto ‘Dio ti benedica’. Nulla contro di lui ma credo avesse torto. Il mio gesto deriva da Spider-man ed è un omaggio a lui. Se vedi le mie foto, io tengo il pollice esteso. Nel linguaggio dei segni significa ‘ti amo”.

Il 25 novembre 2009 la moglie di Dio annunciò che al cantante era stato diagnosticato un cancro allo stomaco. Nonostante ciò gli Heaven & Hell, band fondata nel 2006 insieme a Tony Iommi, Geezer Butler e Vinny Appice, avevano programmato un tour europeo per luglio, successivamente cancellato l’11 maggio a causa delle condizioni di salute “non proprio perfette” del loro frontman, da mesi sotto chemioterapia. R. J. Dio morì a Houston, Texas il 16 maggio 2010 alle 7:45. Ne diede l’annuncio la moglie sul sito ufficiale: “Oggi il mio cuore si è spezzato, Ronnie è mancato alle 7:45 del mattino del 16 maggio. Molti amici e familiari hanno avuto occasione di salutarlo prima che si spegnesse. Ronnie sapeva quanto fosse amato. Noi apprezziamo l’amore e il sostegno che voi tutti ci avete dato. Per favore dateci qualche giorno di privacy per affrontare questa terribile perdita. Sappiate che lui amava tutti voi e che la sua musica continuerà a vivere per sempre”.

 

 

 Questi gli album incisi in carriera:
Con gli Elf
1972 – Elf
1974 – Carolina County Ball
1975 – Trying to Burn the Sun
Con i Rainbow
1975 – Ritchie Blackmore’s Rainbow
1976 – Rising
1978 – Long Live Rock ‘N’ Roll
1977 – On Stage
Con i Black Sabbath
1980 – Heaven and Hell
1981 – Mob Rules
1981 – Live Evil
1992 – Dehumanizer
Con i Dio
1983 – Holy Diver
1984 – The Last in Line
1985 – Sacred Heart
1987 – Dream Evil
1990 – Lock up the Wolves
1994 – Strange Highways
1996 – Angry Machines
2000 – Magica
2002 – Killing the Dragon
2004 – Master of the Moon
Con gli Heaven & Hell
2007 – Live from Radio City Music Hall
2009 – The Devil You Know
2010 – Neon Nights: 30 Years of Heaven & Hell (postumo)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *