Radiohead e Karma Police: compie 21 anni uno dei singoli più famosi della band

Un titolo nato quasi per scherzo, forse per gioco. Il brano, un successo che avrebbe lanciato la band nell’Olimpo della musica.
Compie 21 anni Karma Police, il singolo dei Radiohead tratto dal loro terzo album OK Computer.
Il titolo, Karma Police, deriva da uno scherzo che si dice fosse molto diffuso nella band: frequentemente, infatti, pare che un membro diceva all’altro che avrebbe chiamato «la polizia del karma» se avesse fatto qualcosa di sbagliato. Questo scherzo fu poi incorporato nel titolo della canzone. 
Karma Police, pubblicata il 25 agosto del 1997, riscosse un buon successo commerciale.
Il singolo non ha avuto però inizialmente vita facilissima. I Radiohead hanno infatti dovuto ammettere, dopo delle ‘segnalazioni’ al riguardo, le somiglianze tra il riff del piano di questa canzone con Sexy Sadie dei Beatles. Il resto, però, è decisamente diverso rispetto all’altra canzone.
   Hanno anche spiegato di avere ascoltato, durante la registrazione di Ok Computer, per trarre ispirazione, album dei Beatles e non solo: pure Miles Davis, DJ Shadow ed Ennio Morricone. Per quanto riguarda i testi, sono ispirati al libro di George Orwell del 1984. Karma Police, come molte altre canzoni che avrebbero composto OK Computer, è stata suonata dal vivo nel 1996, quando la band ha aperto i concerti di Alanis Morissette, durante il tour.

Per quanto riguarda il video,  c’è una telecamera presenta la visuale dal punto di vista del posto da guidatore di una macchina. L’ambientazione è notturna, su di una strada deserta. Appena entra il guidatore – che durante il video non viene mai inquadrato – la macchina parte. E pure la canzone.
Fu girato da Jonathan Glazer, precedentemente responsabile della regia del video di Street Spirit (Fade Out), noto per i suoi lavori con Jamiroquai (Virtual Insanity) e Massive Attack (Karmacoma). Il video debuttò in TV nell’agosto del 1997. Nel video è presente, oltre al frontman Thom Yorke, anche l’attore ungherese Lajos Kovács.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *