Il potere della musica, più forte della malattia: e il 95enne Julian Lee torna a suonare

Il potere più grande. Il potere più bello e più emozionante, emozionante per gli occhi e per le orecchie, che ti scalda il cuore e fosse anche solo per un minuto, ti accorgi che non puoi farne a meno.

Julian Lee è un pianista 95enne. Un pianista che ama la sua musica, il suo strumento, il suono del suo piano. Julian Lee è stato colpito anni fa da un ictus e da allora non ha più suonato una tastiera. Troppo forte il dolore, troppe le difficoltà a causa della malattia. Tutto troppo.

Come ‘troppo’, per fortuna, può essere l’affetto, può essere l’amore di chi ti sta accanto e che ti può aiutare anche quando l’aiuto può sembrare inutile.

Julian Lee, per un attimo, per poco che poi non è mai abbastanza, quella tastiera è tornato ad accarezzarla, a toccarla. E tutto grazie all’affetto di amici che non hanno voluto fargli sentire la mancanza proprio nel giorno del suo compleanno. Il polistrumentista australiano Don Burrows e il trombettista, connazionale, James Morrison sono andati a trovare il vecchio amico e compagno di suonate Julian, nel giorno del suo compleanno. E l’incontro, come testimoniato dal video poi socializzato è stato emozionante: la tromba di Morrison ha evidentemente fatto scattare qualcosa in Julian che è tornato ad accarezzare i tasti del suo piano per un indimenticabile quanto emozionante duetto.

Morrison, che ha pubblicato su youtube il video ha raccontato di aver raggiunto “il nostro grande compagno” Lee con il suo mentore “Don Burrows” a Mossvale. Jules, ha scritto ancora, “non suonava il piano da anni… compie 95 anni e condividiamo il compleanno … la musica è una tale gioia“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *