26 novembre 1968: 50 anni fa l’ultimo concerto dei Cream

Tre anni, trentasei mesi. Un periodo che può essere breve o anche lunghissimo, a seconda dei punti di vista. Può essere il tempo che ci vuole per scrivere, registrare e incidere un album, come pure quello per fare un esordio nel mondo della musica.
Tre anni, trentasei mesi. E tre album straordinari. Per i Cream tre anni non sono stati pochi, ma neanche troppi per chi ha avuto la capacità di creare e ricreare una musica per certi versi tutta nuova, uscendo da schemi vecchi del blues e riuscendo addirittura a far pesare la propria influenza su artisti strepitosi quanto unici. 
Quali? Basta fare alcuni nomi, seppure ce ne siano e ce ne saranno tanti altri ancora, come Jimi Hendrix, Van Halen e Black Sabbath.
I Cream sono stati in attività piena dal 1966 al 1968 e proprio il 26 novembre di 50 anni fa, alla Royal Albert Hall di Londra, hanno suonato nel loro ultimo concerto sotto quel nome, primo dello scioglimento che era già imminente. Qualcuno potrà obiettare sottolineando che nel 1993, hanno suonato di nuovo tutti insieme alla cerimonia della loro introduzione nel Rock and Roll Hall of Fame, e nel 2005, in quattro concerti al Royal Albert Hall di Londra e in due al Madison Square Garden di New York. 
Ma non era, non poteva essere la stessa cosa. In quegli anni il chitarrista Eric Clapton, il bassista Jack Bruce e il batterista Ginger Baker erano al massimo delle loro potenzialità e tutti  e tre insieme stavano dando vita ad un qualcosa di innovativo (siamo sempre a metà degli Anni 60) quanto di strepitoso e di unico.
Considerato il primo supergruppo della storia, in tre anni appena furono pubblicati altrettanti album, con 15 milioni di dischi venduti. Un quarto album uscì nel 1969, quando la band era ormai sciolta: il titolo fu sicuramente appropriato, ‘Goodbye’, un po’ come The Final Cut per i Pink Floyd, l’album del ‘taglio finale’ tra Roger Waters e il resto del gruppo.
Il terzo album del gruppo, Wheels of Fire del 1968, invece, è il primo doppio album al mondo di platino.
Per quanto riguarda le origini del gruppo, decisivo fu l’addio ai Bluesbreakers del Mito John Mayall da parte di Clapton e Bruce: i due si unirono al batterista Ginger Baker per formare i Cream, uno dei primi supergruppi, il primo del genere blues-rock della storia della musica rock contemporanea.
DISCOGRAFIA
  • 1966 – Fresh Cream
  • 1967 – Disraeli Gears
  • 1968 – Wheels of Fire
  • 1969 – Goodbye

SETLIST ULTIMO CONCERTO DEI CREAM (1968)

White Room
Politician
I’m So Glad
(Skip James cover)
Sitting on Top of the World
(Mississippi Sheiks cover)
Cross Road Blues
(Robert Johnson cover)
Toad
Spoonful
(Willie Dixon cover)
Sunshine of Your Love
– BIS
Steppin’ Out
(Memphis Slim cover)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *