19 febbraio 1980: 40 anni fa il triste addio a Bon Scott

Lo sguardo impertinente, l’aria di sfida. E una voce unica. Che se n’è andata troppo presto, perché se oggi prendi qualsiasi album degli AC/DC, hai in mano un vero tesoro.

Sono passati già 40 anni da quando Ronald Belford ‘Bon’ Scott ha ‘deciso’ che per lui era il momento di andare.

Non che la morte sia ‘bella’ o ‘dolce’, ma quella di Bon è quella fine che non vorresti mai augurare a nessuno, neppure al nemico peggiore.

Era la notte tra il 18 e il 19 febbraio, quando morì, il suo corpo senza vita fu ritrovato in una Renault 5 a Londra il pomeriggio successivo.

Era il 1980, Bon era nato a Forfar il 9 luglio 1946.

Aveva passato una serata a bere in un locale-pub allora chiamato ‘Music Machine’, con il suo amico Alistair Kinnear. Si è ipotizzato che Bon sia rimasto soffocato dal suo vomito durante il sonno, come successe a Jimi Hendrix.

Nel referto, però, il medico legale attribuì la morte ad un’accidentale “intossicazione acuta da alcol”.

Una morte assurda, triste e in piena solitudine. Amato da milioni di fan se n’è andato da solo, come Jim Morrison, Jimi Hendrix, Janis Joplin, Kurt Cobain, John Bonham, Prince.

Le ceneri di Scott sono sepolte nel piccolo cimitero di Fremantle, in Australia.
Alla fine del 1974, Bon svolse qualche lavoro occasionale ad Adelaide, ed incontrò per la prima volta i membri degli AC/DC mentre lavorava come autista.

I leader della band erano i fratelli Angus e Malcolm Young, fratelli minori dell’amico di Scott, George Young. Scott fu subito impressionato dall’energia e dalla potenza espressa dalla band, ed i giovani AC/DC rimasero, a loro volta, affascinati dalle doti del frontman.

Quando gli AC/DC licenziarono il loro cantante originale, Dave Evans, Scott venne infine chiamato per sostituirlo. E iniziò uno dei ‘matrimoni’ artistici più proficui e affascinanti di sempre.

Canzoni come It’s a Long Way to the Top (If You Wanna Rock ‘n’ Roll), T.N.T., High Voltage, The Jack sono ancora oggi tra i pezzi più richiesti dai fin del gruppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *