Il ritorno degli Swingrowers: da maggio via al tour in America

Il 3 maggio parte da Toronto il tour negli Stati Uniti e Canada degli Swingrowers, band italiana nota in tutto il mondo per il loro mix tra jazz, swing manouche e dance/electro, un ritorno dopo il successo delle tournée precedenti in questi due Paesi.

Dieci live che faranno tappa a Toronto, London (Ontario), Portland, Seattle, Eugene (Oregon), Vancouver, San Diego, Los Angeles, San Francisco, e al “Lighting In A Bottle Festival” (Central California), uno dei più grandi e importanti festival musicali indipendenti della costa ovest americana, dove gli Swingrowers saranno gli unici ospiti italiani. Ecco il dettaglio delle date in Usa e Canada:

3 maggio – Toronto @Revival Bar

4 maggio – London (Ontario) @The Aeolian 

8 maggio – Portland Dante’s

9 maggio – Seattle @Highline Bar 

10 maggio – Eugene (Oregon) @The WOW Hall

11 maggio – Vancouver @At The Waldorf

12 maggio – Buena Vista Lake, Central California @Lightning in a Bottle Festival

15 maggio – San Diego @Music Box

16 maggio – Los Angeles The Down & Out 

18 maggio – San Francisco @Rickshaw Stop

Europa, Giappone (due date sold out al Blue Note di Tokyo) Russia, India e di nuovo Usa e Canada, un altro tour internazionale per la band formata da Roberto Costa (Producer, Programmer, Dj), Loredana Grimaudo (singer, writer); Alessio Costagliola (guitarist) e Ciro Pusateri (saxophonist, clarinetist), che testimonia come gli Swingrowers siano “uno dei talenti emergenti più eccitanti della scena musicale retrò e una band che sta maturando a un ritmo rapido“, come li ha descritti il magazine londinese TimeOut.

Nel 2019, oltre il tour in Usa e Canada, sono previsti concerti in importanti Festival esitvi (verranno annunciati a breve) come il Glastonbury e due nuovi singoli che usciranno in estate e in autunno.

Siciliani di origine, ormai cittadini del mondo, gli Swingrowers hanno tre album all’attivo, più di 30 Milioni di visualizzazioni su Youtube e una serie di singoli e remix. Il progetto nasce nel 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *