5 giugno del 1975: sorpresa Syd Barrett agli Abbey Road Studios

26 gennaio del 1968 e 5 giugno 1975. Due date apparentemente insignificanti, o comunque date come tante.

Sono due giorni, invece, che un peso lo hanno avuto nella storia della musica, perché di questo si tratta quando si parla di Pink Floyd.

Due date che hanno avuto un risvolto decisamente negativo per Syd Barrett, il geniale quanto folle primo leader della band, prima che le redini fossero prese da Roger Waters. Un risvolto negativo per lui, ma anche una svolta nella storia della band.

Il 26 gennaio del 1968 David Gilmour, Roger Waters, Richard Wright e Nick Mason decidono che è arrivato il momento di voltare pagina. A volte Syd, il ricordo di Gilmour, “cantava un po’, altre volte per nulla. Fu sempre più chiaro che non si poteva andare avanti così”. Quel giorno, a bordo di una Bentley, direzione Southampton, David Gilmour Nick Mason, Richard Wright e Roger Waters andavano incontro a decise che era arrivato il momento di cambiare la storia. C’erano tutti, tranne Syd: “Dovremmo preoccuparci di andarlo a recuperare?” disse qualcuno. “Naa, non preoccupiamoci”, fu la risposta di qualcun’altro.

Proprio all’università di Southampton, esattamente mezzo secolo fa, i Pink Floyd suonarono per la prima volta senza Barrett, a supporto di Tyrannosaurus Rex e Incredible String Band.

Il 5 giugno del 1975, 44 anni fa, è la data di una sorta di ‘ritorno’ di Syd a casa, un ritorno dopo tanto tempo tra i suoi (ex) compagni di band

Proprio mentre i Pink Floyd stavano registrando Shine On You Crazy Diamond, agli Abbey Road Studios, una figura salì quei pochi gradini e sorprese i suoi ex compagni. Syd, senza capelli, senza sopracciglia e parecchio sovrappeso, si presentò negli studi con aria distratta, senza essere riconosciuto immediatamente. Dopo parecchio, fu Gilmour a capire chi fosse, tra stupore e commozione da parte di tutti (lo stesso Gilmour si lasciò andare in un pianto). Dopo aver ascoltato Shine On, dopo aver pranzato insieme, Barrett sparì allo stesso modo con cui era apparso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *