Lutto nel blues: addio Dr. John, leggenda di New Orleans

Un altro pezzo di blues che se ne va. Un gran bel pezzo di blues.

Se n’è andato a 77 anni, per colpa di un infarto, Malcolm John “Mac” Rebennack, Jr., per tutti Dr. John.

Nato a New Orleans il 21 novembre 1940, è morto proprio nella sua città natale, il 6 Giugno.

Cantautore, pianista, chitarrista, session man già alla fine degli Anni 50, ha raggiunto il successo dopo circa 20 anni grazie a spettacoli teatrali-musicali itineranti caratterizzati dall’uso di costumi carnevaleschi ispirati dai carrozzoni dei medicine show americani e dalle cerimonie voodoo.

Ad ispirarlo, l’incontro con Professor Longhair, cantante e pianista blues, dall’abbigliamento sgargiante.

La sua musica fonde la tradizione blues, pop e jazz con lo zydeco, il boogie-woogie ed il rock and roll.

Appassionato del voodoo della Louisiana,

La carriera del Dr. John chitarrista ha subito uno stop nel 1960, dopo un incidente durante un concerto negli Stati Uniti che gli aveva procurato una seria ferita all’anulare della mano sinistra. Per questo passò prima al basso, poi al pianoforte.

Nella sua lunga carriera ha ricevuto 6 Grammy Awards e nel 2011 è stato introdotto nella Rock and Roll Hall of Fame.

Il suo maggior successo fu decisamente Right Place Wrong Time, del 1973.

Attivo come session man già dagli anni 50, ha suonato negli album di Rolling Stones, Eric Clapton, Carly Simon, James Taylor e molti altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *