Emozione Pink Floyd: Nick Mason’s Saucerful of Secrets strepitosi

Un salto indietro nel tempo, lungo 5 decenni. L’occasione per (molti) di vedere dal vivo pezzi che altrimenti sarebbe stato possibile ascoltare solo in versione ‘studio’, soprattutto del periodo in cui era Syd Barrett a dare vita alla magia dei Pink Floyd.

Pezzi come Interstellar overdrive, Lucifer Sam, passando poi da Fearless a Obscured by Clouds. E poi Vegetable Man, The Nile Song, Bike, Point me at the sky.

Nick Mason con i suoi Saucerful of Secrets ha infiammato Rock in Roma, estasiando chi è accorso alla Cavea: non moltissimi a dir la verità, peccato per i molti posti vuoti.

Nonostante gli anni, il batterista dei Pink Floyd ha confermato di essere in grandissima forma, straordinariamente supporto da Gary Kemp degli Spandau Ballet, Lee Harris dei Blockheads, Guy Pratt e Dom Beken.

Picchi assoluti sono stati raggiunti in più di una occasione. Dire che non hanno fatto rimpiangere gli ‘originali’ può solo far male a tutti. Certamente sono riusciti a lasciare il proprio marchio su un lunghissimo pezzo di storia della musica. Alle chitarre, Kemp è stato strepitoso, altrettanto Harris. Come pure Beken alle tastiere e ai sintentizzatori.

Facile, semplice e inevitabile chiudere gli occhi e iniziare un viaggio psichedelico in un’epoca ad oggi inesplorata da chi vive, dal palco, il mondo pinkfloydiano. C’è chi parla di band tributo dei Pink Floyd: riduttivo, a nostro modo di vedere, e ingeneroso. Semplicemente la voglia di Nick Mason di riproporre musiche e canzoni uniche: David Gilmour e Roger Waters fanno orecchie da mercante, lui ha scelto di fare a modo suo. E non ci dispiace affatto.

La scaletta:

“Interstellar overdrive”
“Astronomy domine”
“Lucifer Sam”
“Fearless”
“Obscured by clouds/When you’re in”
“Remember a day”
“Arnold Layne”
“Vegetable man”
“If/Atom heart mother/If”
“The Nile song”
“Green is the colour”
“Let there be more light”
“Childhood’s end”
“Set the controls for the heart of the Sun”
“See Emily play”
“Bike”
“One of these days”

-BIS

“A saucerful of secrets”
“Point me at the sky”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *