Affascinato dalla chitarra, rapito dalla batteria: Auguri Roger Taylor

Settanta candeline per Roger Meddows-Taylor, per tutti semplicemente Roger Taylor, lo storico batterista dei Queen, nato a King’s Lynn, in Inghilterra, il 26 luglio 1949.
Laureatosi in biologia, si avvicinò al mondo della musica durante l’adolescenza trascorsa a Truro, cantando nel coro della chiesa. Poi un giorno vede un suo cugino fare alcuni accordi con una chitarra e decide di voler imparare a suonare questo strumento musicale.

Inizialmente impara alcuni accordi di base con un ukulele, poi forma una sorta di gruppo a soli otto anni chiamato Cousin Jack, dove suona la chitarra, ma questo gruppo dura pochissimo.
Roger capisce che il suo strumento è la batteria.

Roger Taylor


Nel 1967 un amico di Taylor legge su una bacheca un annuncio in cui si cercava un batterista. L’amico avvisò Roger che trovò il numero da chiamare sopra l’annuncio e alla chiamata rispose Brian May. Si unì così (come batterista) a Brian May e Tim Staffell per creare il gruppo Smile. Nella primavera del 1970, Tim Staffell lasciò il gruppo decretandone la fine. Nello stesso anno, Brian e Roger trovarono in Freddie Mercury il partner adatto per sfondare nel mondo del rock e fondarono il gruppo dei Queen, (nome scelto dallo stesso Mercury), al quale nel febbraio del 1971 si unì anche il bassista John Deacon.
Oltre alla sua parte di batterista, Roger ha scritto e interpretato svariate canzoni come “I’m in Love with My Car” (cantata da lui), “Radio Ga Ga“, “A Kind of Magic“, “These Are the Days of Our Lives, The Loser in the End”.
Curioso è il fatto che Roger Taylor spesso suona con le bacchette al contrario, prendendole dalla parte della punta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *