Il tempo per lui non si è mai mosso: Buon Compleanno eterno Mick Jagger

In questo caso vale, eccome, l’espressione “cavolo, ma non li dimostra proprio!”.

E se non fosse che il mondo intero sa che Mick Jagger ha superato da tempo i 70 anni, a rimanere sorpresi saremmo in tantissimi. Soprattutto oggi, poi, giorno in cui aggiunge ogni 12 mesi un anno alla sua splendida età.

Optreden Rolling Stones in het Feijenoordstadion, Rotterdam; Mick Jagger , kop *2 juni 1982


E, sulla carta, sono 76 essendo nato a Dartford il 26 luglio 1943. E lui e la musica sono stati l’uno nella vita dall’altra, e viceversa, praticamente da sempre. Mick infatti cantava già da piccolo; nel 1950, alle scuole elementari di Dartford, conosce Keith Richards, futuro amico e compagno nei Rolling Stones. Mica in una band qualsiasi.

Keith e Mick si incontreranno nuovamente soltanto nel 1961 e, con grande sorpresa, scopriranno d’aver coltivato una comune passione per il rhythm and blues.
Ad inizio Anni 60 il suo amico Keith lo esorta invece a continuare a cantare e a fondare con lui una band musicale, provando vari brani rock presso uno scantinato di Ealing Broadway (in seguito chiamato il Ferry Club). Nel 1962 si aggiungono anche i musicisti Brian Jones, Bill Wyman e Charlie Watts, appunto gli Stones, nome ispirato da un brano di Muddy Waters.
La prima apparizione dei Rollin’ fu al celebre Marquee Club di Londra il 12 luglio 1962.

L’anno dopo, Mick Jagger abbandona gli studi in favore della carriera di cantante. La sua tipica vocalizzazione sensuale passa da cover di Chuck Berry e Bo Diddley a canzoni proprie. La loro musica e la loro fama crescono, sull’onda del connubio sesso droga e rock ‘roll. Nel 1967 Jagger e Richards vengono arrestati per detenzione di stupefacenti, e condannati a tre mesi di reclusione, pena poi commutata in libertà condizionale. Dopo la morte del chitarrista solista Brian Jones nel 1969, Mick Jagger decide di dare una svolta alla band, diventandone lui stesso il manager, cambiando stile alla loro musica e organizzando una tournée negli Stati Uniti, cosa che avverrà solo nel 1972, quando suoneranno a New York City con un tipico look aggressivo e glamour.

Mick Jagger

Gli anni settanta diventano per Mick Jagger un fiorente decennio di produzione di musica della band più longeva del rock.
Nel 1980, nonostante l’onda continua di successo, Mick Jagger tenta una carriera da solista. Nel 1985 esce “She’s the Boss“, di discreto successo, in cui spicca il brano “Just Another Night“.

Due anni dopo tenta un secondo album solista, “Primitive Cool“, che ottiene buona critica, ma realizza un minor numero di copie vendute. “Wandering Spirit” è il suo terzo album, che esce solo nel 1993, con un lancio accompagnato anche da un mini-tour.

Torna a produrre per gli Stones e nel 1997 esce l’album “Bridges to Babylon“, in cui spicca il brano “Anybody Seen My Baby?“. I Rolling Stones sono di nuovo sulle vette delle classifiche, a cui seguiranno altri anni di celebrità e di concerti.

Nel 2002 esce la raccolta “Forty Licks“, mentre due anni dopo Jagger compone le musiche per il film Alfie insieme a Dave Stewart, (ex Eurythmics). Nel 2005, dopo la pubblicazione dell’album “A Bigger Bang“, inizia un tour mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *