I Beatles ad Abbey Road, 50 anni dello scatto più famoso del mondo

Probabilmente quando Iain Macmillan decise di mettersi su una scala a pioli, al centro di Abbey Road, mai avrebbe pensato che dopo 50 anni il mondo fosse ancora pronto a celebrare il suo storico scatto, scelto tra i sei fatti. Come pure il poliziotto che era lì per bloccare il traffico. Tanto è passato dalla foto di Iain Macmillan che l’8 agosto del 1969 salì su una scala a pioli, al centro di Abbey Road, davanti gli studi della Emi, per scattare i Beatles attraversare le strisce pedonali, che doveva finire sulla copertina dell’album Abbey Road.
Mezzo secolo di storia, in attesa dei prossimi 50 anni, per celebrare forse lo scatto più famoso del mondo (della musica), quello che più ha dato, come fa tutt’ora, il senso della grandezza di una band. Una semplice camminata sulle delle strisce pedonali diventano l’icona della band che ha stravolto la musica internazionale, un patrimonio celebrato ogni anno da fan e curiosi che attraversano quella strada provando a imitare John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr.

O anche trasformato in parodia. E i riferimenti sono numerosi, come i Beatallica, Benny Hill, Chubb Rock e Kanye West. E pure i Red Hot Chili Peppers: nella copertina di The Abbey Road E.P. i componenti della band attraversano lo stesso passaggio pedonale completamente nudi tranne un calzino per ciascuno indossato per coprire le parti intime.
Quel giorno di 50 anni fa fu Ringo ad arrivare per primo, mentre la scelta delle foto la fece Paul: tra i sei scatti preferì quella in cui i quattro ragazzi di Liverpool camminavano allo stesso modo, con lo stesso tempo.
Ma dietro la foto di Macmillan da anni si nasconde anche la leggenda della misteriosa ‘morte’ di Paul McCartney. E sì, perché in realtà quello che da mezzo secolo sentiamo cantare non è il bassista dei Beatles ma un suo sosia.

Tanti gli spunti a sostegno della leggenda. Paul è l’unico scalzo e fuori passo rispetto agli altri, e nel Regno Unito i morti vengono sepolti scalzi; in testa al gruppo c’è Lennon che dovrebbe rappresentare il gran sacerdote, ministro del culto, o forse un angelo, a seguire Ringo Starr completamente vestito di nero (da impresario delle onoranze funebri) e in ultimo George Harrison vestito tutto in jeans, come un becchino; la targa LMW 281F (letta 28IF) del maggiolino parcheggiato sulla sinistra indicherebbe l’età di Paul se fosse stato in vita all’epoca dell’uscita del disco (ma all’epoca della celebre fotografia, scattata l’8 agosto 1969, Paul aveva 27 anni, essendo nato il 18 giugno 1942); LMW viene interpretato come “Linda McCartney Weeps” (Linda McCartney piange); il fatto che Paul, mancino, tenga una sigaretta nella destra. Sul lato opposto un grosso furgone nero parcheggiato ricorda un Black Maria, di quelli utilizzati dalla polizia mortuaria negli incidenti stradali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *