22 anni fa l’addio a Nusrat Fateh Ali Khan: collaborò con Peter Gabriel

22 anni. Tanto è passato dalla morte di Nusrat Fateh Ali Khan, cantante e musicista pakistano, cantante di qawwali, musica religiosa tipica del sufismo (la tradizione mistica all’interno dell’Islam) del subcontinente indiano.

Nato in Pakistan, a Faisalabad, 13 ottobre 1948, interprete di musica tradizionale qawwali, Khan è conosciuto in occidente per avere realizzato dischi per la Real World Records di Peter Gabriel e la Six Degrees Records con il musicista e produttore italiano Gaudi.

Nel 1971 Nusrat diventò ufficialmente il leader del complesso musicale Qawwali di famiglia, che prese il nome di Nusrat Fateh Ali Khan, Mujahid Mubarak Ali Khan & orchestra.

Il suo primo grande successo in Pakistan fu la canzone Haq Ali Ali, che interpretò con stile e strumentazione tradizionali.

Nel 1985 Khan collaborò con Peter Gabriel alla realizzazione di Passion, colonna sonora de L’ultima tentazione di Cristo di Martin Scorsese, quindi lavorò con il musicista canadese Michael Brook per gli album Mustt Mustt (1990). Il suo singolo Mustt Mustt è stato remixato dal gruppo trip hop dei Massive Attack, e Night Song (1996) e nel 1995 con il leader dei Pearl Jam Eddie Vedder in due brani della colonna sonora di Dead Man Walking – Condannato a morte di Tim Robbins. Partecipò anche alla realizzazione della colonna sonora di Natural Born Killers di Oliver Stone.

L’etichetta discografica di Peter Gabriel Real World Records pubblicò cinque album del canto tradizionale Qawwali di Khan, oltre ad alcuni suoi lavori più sperimentali, tra cui gli album Mustt Mustt e Star Rise. Collaborò nuovamente con Brooke per scrivere la musica della canzone Sweet Pain, inserita nella colonna sonora del film Ogni maledetta domenica.

Khan cantò nell’album The Prayer Cycle del compositore Jonathan Elias ma morì prima che il lavoro fosse portato a termine; le sue parti vennero completate dalla cantante Alanis Morissette. Cantò inoltre nel brano Signal to Noise di Peter Gabriel contenuto nell’album Up uscito nel 2002. Il brano fu registrato nel 1997 ma anche in questo caso egli morì prima di ultimare le registrazioni. Per completare il brano Peter Gabriel inserì poi alcune parti campionate delle registrazioni effettuate da Nusrat sia in studio che live.

L’11 agosto 1997 Khan, gravemente malato a fegato e reni, fu costretto a fermarsi a Londra mentre era diretto a Los Angeles per essere sottoposto ad un trapianto di rene. Morì per un improvviso arresto cardiaco il 16 agosto successivo al Cromwell Hospital. Aveva 48 anni. Il suo corpo venne riportato a Faisalabad in Pakistan dove ebbe pubblici funerali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *