Terzo album da solista di Roger Waters, 27 anni fa usciva Amused to death

Terzo album da solista, forse il migliore della produzione lontano dai Pink Floyd. Sicuramente l’album che più entusiasmo e favori di pubblico e critica ha riscosso rispetto agli altri, The Pros and Cons of Hitch Hiking, Radio K.A.O.S. e al recente (pur apprezzato) Is This the Life We Really Want?.
L’album, pubblicato l’1 settembre 1992, è dedicato alla memoria del soldato inglese William “Bill” Hubbard, morto nella Prima Guerra mondiale. In apertura e chiusura del disco si sente la voce di un suo commilitone, il soldato Alf Razzell, che 75 anni dopo ancora porta con sé il senso di colpa di aver dovuto abbandonare Bill nella terra di nessuno, per salvarsi la vita. 

Musicalmente parlando, Waters condivide la produzione dell’album con Pat Leonard, produttore di Madonna. Impressionante  l’elenco degli artisti che contribuirono alle registrazioni. 

Spicca il contributo, in diversi brani, della chitarra di Jeff Beck. In alcune canzoni Waters duetta con voci soliste femminili, e in Watching TV con Don Henleydegli Eagles. A musicisti e cantanti, in tipico “stile Waters”, si aggiungono varie voci parlanti alcune delle quali interpretano i testi dello stesso Waters, altre semplicemente sembrano “rubate” da interviste o film alla TV.

All’inizio del brano Perfect Sense, Part I, Waters ha anche inserito un messaggio registrato alla rovescia: un pesante attacco al regista Stanley Kubrick, che gli aveva negato il permesso di usare – proprio su quel brano – la voce del computer HAL9000 dal film 2001: Odissea nello spazio. Più avanti, in It’s A Miracle, troviamo una frecciata al noto compositore di musical Andrew Lloyd Webber, già colpevole – secondo Waters – di aver plagiato un tema dei Pink Floyd (da una sezione di Echoes del 1971) per il suo The Phantom of the Opera.

Non manca, infine, una citazione degli stessi Pink Floyd: l’inconfondibile nota di pianoforte che apriva Echoes compare distintamente all’inizio di What God Wants, Part III.TRACCE

  1. The Ballad of Bill Hubbard – 4:19
  2. What God Wants, Pt I – 6:00
  3. Perfect Sense, Pt I – 4:16
  4. Perfect Sense, Pt II – 2:50
  5. The Bravery of Being Out of Range- 4:43
  6. Late Home Tonight, Pt I – 4:00
  7. Late Home Tonight, Pt II – 2:13
  8. Too Much Rope – 5:47
  9. What God Wants, Pt II – 3:41
  10. What God Wants, Pt III – 4:08
  11. Watching TV – 6:07
  12. Three Wishes – 6:50
  13. It’s A Miracle – 8:30
  14. Amused to Death – 9:06

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *