London Calling, 40 anni per l’album storico dei Clash

40 anni, un pezzo unico nella storia della musica.

Compie 40 anni esatti London Calling, l’album doppio dei The Clash uscito il 14 dicembre del 1979, con il quale il gruppo si impose negli Stati Uniti.

Sono in tutto 19 brani, accreditati a Joe Strummer e Mick Jones, tranne The Guns of Brixton di Paul Simonon, Brand New Cadillac di Vince Taylor e Revolution Rock di Jack Edwards e Danny Ray.

Il disco presenta una notevole complessità compositiva e mescolanza dei generi: sebbene non vi siano ravvisabili canzoni classificabili come puro punk, vi sono pezzi ska, come Wrong’em Boyo, insieme a brani pop come Lost in the Supermarket; altri generi in cui spazia l’album sono il reggae, il rockabilly, il rhythm and blues, il jazz.

London Calling compare nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone alla posizione numero 8, considerato sempre da Rolling Stone come il migliore album degli anni ottanta, pur essendo uscito nel dicembre 1979.

Con oltre due milioni di copie vendute nel mondo, l’album è stato certificato disco di platino nel Regno Unito, oltre che negli Stati Uniti, dando una notorietà a livello mondiale al gruppo.

Storica anche la copertina del vinile di London Calling, poi ripresa dalle successive edizioni su CD, è celebre per la fotografia di Paul Simonon che spacca il basso sul palco e per la grafica che riprende il primo album di Elvis Presley.

L’immagine volle essere un omaggio a Presley, primo cantante di rock and roll bianco, con cui si vollero comparare per la temerarietà nelle scelte musicali e per indicare il loro riavvicinamento alle radici del rock.

La foto di Simonon è spontanea, e fu scattata da Pennie Smith, fotografa al seguito dei Clash, durante il concerto al Palladium di New York, il 21 settembre 1979.

  1. London Calling – 3:20
  2. Brand New Cadillac – 2:08 (Vince Taylor)
  3. Jimmy Jazz – 3:54
  4. Hateful – 2:44
  5. Rudie Can’t Fail – 3:29
  6. Spanish Bombs – 3:18
  7. The Right Profile – 3:54
  8. Lost in the Supermarket – 3:47
  9. Clampdown – 3:49
  10. The Guns of Brixton – 3:09 (Paul Simonon)
  11. Wrong’em Boyo – 3:10 (Clive Alphonso, accreditato come “Alphanso”)
  12. Death or Glory – 3:55
  13. Koka Kola – 1:47
  14. The Card Cheat – 3:49
  15. Lover’s Rock – 4:03
  16. Four Horsemen – 2:55
  17. I’m Not Down – 3:06
  18. Revolution Rock – 5:33 (Jack Edwards, Danny Ray)
  19. Train in Vain – 3:09

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *