Sanremo, Irene Grandi difende Junior Cally: No alla censura

Irene Grandi non ci sta. Junior Cally è nell’occhio del ciclone per i testi delle sue canzoni, considerati violenti e sessisti. In molti, prendendo spunto dal testo di canzoni pubblicate negli anni scorsi dal rapper romano, ne hanno chiesto l’esclusione dal Festival di Sanremo, da politici a gente comune.

Irene Grandi no. Anzi. La cantante toscana, con un post e un successivo commento, ha preso posizione contro quella che considera come una censura.

Innamorata della libertà, lasciamo alla musica il potere della provocazione“, ha scritto sulla sua pagina Facebook. E in un commento allo stesso, ha spiegato: “La musica non sempre lancia dei messaggi, spesso fotografa una realtà che non ci piace. Ognuno si assume la responsabilità di ciò che scrive o dice individualmente; quello che voglio esprimere è semplicemente che non mi piace la censura”.

E ancora: “Lo sapete che io sono una persona positiva e solare però bando all’ipocrisia, distinguiamo tra la violenza che condanniamo tutti e la provocazione artistica che dovrebbe servire a farci riflettere perchè è una rappresentazione della realtà in cui viviamo”.

Quindi, “se vogliamo focalizzarci su Junior Cally, il testo incriminato si riferisce ad una canzone di ben tre anni fa! Perchè tirare ora fuori l’argomento? Cosa c’entra con il brano che porterà a Sanremo?“.

(LA FOTO DI COPERTINA È PRESA DALLA PAGINA FACEBOOK DELLA CANTANTE)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *