Fondò The Velvet Underground: 78 anni fa nasceva John Cale

78 candeline per John Cale.

Nato in Galles, a Carmarthenshire, il 9 marzo 1942, è un compositore, polistrumentista e produttore discografico gallese. È noto principalmente come musicista rock (e in particolare per la militanza nello storico gruppo The Velvet Underground, che fondò insieme a Lou Reed negli anni sessanta), sebbene abbia esordito come musicista d’avanguardia e nel prosieguo della sua carriera abbia poi spaziato in altri ambiti musicali. È inoltre un produttore discografico stimato, apprezzato per i suoi lavori con artisti come The Stooges, Nico, Patti Smith, Nick Drake e Jonathan Richman, e un compositore di colonne sonore. Scoprendosi portato a suonare il violoncello, studiò musica al Goldsmiths College, University of London. Organizzò anche un piccolo concerto influenzato dalla corrente artistica Fluxus, A Little Festival of New Music, il 6 luglio 1963.

Inoltre contribuì al cortometraggio Police Car e si interessò sempre di più alla nascente scena avant-garde. Successivamente, finita l’accademia, viaggiò attraverso gli Stati Uniti per continuare i suoi studi musicali e arricchire il suo bagaglio di esperienza, grazie all’aiuto e all’influenza di Aaron Copland. Arrivato a New York, si incontrò con vari influenti compositori ed entrò in contatto con la “controcultura” della metropoli. Il 9 settembre 1963, insieme a John Cage e a molti altri, Cale partecipò a una maratona pianistica lunga diciotto ore che fu la prima rappresentazione integrale dell’opera di Erik Satie Vexations. Dopo la performance, Cale apparve in televisione nello show I’ve Got a Secret.

Entrò poi a far parte dell’ensemble musicale diretto da La Monte Young, il Theatre of Eternal Music, conosciuto anche come The Dream Syndicate (da non confondersi con la band anni ottanta dallo stesso nome). Nel 1965 conosce Lou Reed, che all’epoca lavorava come compositore su commissione di canzonette pop, e scopre di avere in comune con lui la passione per lo sperimentalismo e per il rock’n’roll. Con lo stesso Reed (prima voce, chitarra), Sterling Morrison (basso e chitarra) e Angus MacLise (in seguito sostituito da Maureen Tucker) (Percussioni), forma i Velvet Underground; il loro primo disco (The Velvet Underground & Nico) viene pubblicato nel 1967, con la partecipazione della modella (ed in seguito cantante) Nico; questo rimane a tutt’oggi uno dei migliori album rock della storia.

Nel gruppo suonò, a seconda dei pezzi, viola elettrica, piano e basso, ma soprattutto spinse verso uno sperimentalismo che mischiato allo stile di Reed rese tipico il “suono” dei Velvet. I contrasti nel gruppo, probabilmente dovuti all’egocentrismo di Lou Reed (leader del gruppo), ruppero l’alchimia e portarono a un secondo disco (White Light/White Heat) dalle sonorità più acide, più “sporche” e ancora più sperimentali. Nel 1968, dopo la pubblicazione del secondo disco, Cale lasciò il gruppo (probabilmente estromesso da Lou Reed); i due lavori in studio successivi (The Velvet Underground e Loaded), registrati dalla band dopo la dipartita di Cale, riportano a linee melodiche più decifrabili (orecchiabili). Cale ha anche collaborato con Nico, Brian Eno e Terry Riley con i quali incise a partire dagli anni settanta vari album.

Ha anche prodotto il primo, omonimo LP degli Stooges (nel 1969) e il primo di Patti Smith, Horses. Cale suonò anche nel primo album solista di Nico del 1967, Chelsea Girl, disco che conteneva canzoni scritte dallo stesso Cale, da Reed e da Morrison, che suonarono anch’essi sull’album. Cale fece il suo debutto come paroliere nei brani Winter Song e Little Sister. Nel 1968, John Cale sposò la stilista Betsey Johnson.[5] Il matrimonio però ebbe vita breve e la coppia divorziò nel 1971. Oltre ad apparire nei primi due album dei Velvet, Cale suonò l’organo nel brano Ocean durante le sedute di registrazione per il quarto disco del gruppo Loaded, quasi due anni dopo la sua uscita dalla band. Infatti era stato riportato in studio dal manager del gruppo Steve Sesnick in un estemporaneo tentativo di ricreare la formazione originale dei Velvet. Sebbene la versione del brano contenente il suo contributo non finì sulla versione finale dell’album, la registrazione demo di Ocean è stata poi inclusa nella ristampa ampliata del disco Loaded: Fully Loaded Edition del 1997.

Infine, altre cinque canzoni inedite registrate da Cale quando ancora era un membro dei Velvet Underground tra il 1967 e il 1968, sono state incluse nelle raccolte di inediti VU (1985) e Another View (1986). Dalla chiusura dell’esperienza con i Velvet, John Cale intraprese una buona carriera solista, alternando album rock a collaborazioni e musiche da film. Nel 1990 con Lou Reed pubblicò Songs for Drella, album commemorativo del comune amico e mentore Andy Warhol; fu infatti Warhol il promotore del loro progetto artistico: sua la paternità della scelta del nome del gruppo, sua la famosa copertina con la banana “sbucciabile”, probabilmente sua l’idea di associare al gruppo l’algida voce di Nico. Nel 2000 firma la colonna sonora del film American Psycho Nel 2001 partecipa alla produzione dell’album In’tla piola del poeta-arpista italiano Francesco Benozzo, registrato e prodotto in Galles dalla Sain Records.

Nel 2003 torna a pubblicare nuovo materiale con l’album HoboSapiens, questa volta influenzato dalla musica elettronica moderna e dall’alternative rock. Il disco ricevette buoni consensi e venne co-prodotto da Cale insieme a Nick Franglen dei Lemon Jelly. Al disco fece seguito nel 2005 l’album BlackAcetate. Ancora in piena attività dopo oltre 40 anni, John Cale ha dato alle stampe recentemente una raccolta live (Circus Live, 2007), che lo ha impegnato in un grande tour europeo, con le due tappe italiane di Milano e Urbino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *