‘TORTO O RAGIONE’ l’album d’esordio di DI MATTIA CARLESSO – RECENSIONE

‘Torto o ragione’ il primo EP di Mattia Carlesso è uscito il 27 marzo. Quattro tracce intime e cantautoriali con influenze rock. Ogni brano corrisponde a un momento e tutte insieme creano un filo conduttore per l’album. La ricerca di una risposta alle domande universali dell’esistenza: la necessità di ritornare a vivere, il momento dello sconforto, la fine di un amore, l’evasione dalla realtà.

“L’EP TORTO O RAGIONE E’ USCITO! In questo momento difficile sembra fuori luogo pubblicare un EP, io non so se ho TORTO O RAGIONE ma provo a regalarvi un po’ di normalità”. Questo è quello che si legge sulla pagina Facebook dell’artista, che nonostante la pandemia mondiale del Coronavirus, vorrebbe regalare con la sua musica, spensieratezza e normalità a tutte le persone costrette a rimanere nelle proprie abitazioni. Mattia pubblica poi il video clip del brano che dà il titolo all’EP.

La malinconia, non priva di qualche accenno di disperazione, è il sentimento prevalente in questo brano struggente che racconta la fine di una storia d’amore. “Ricordo solo immagini distanti di un tempo, sbiadite come foto della grande guerra. Io mi siedo sul cannone accendo la miccia, mi chiudo bene gli occhi e qualche cosa si spezza”. L’accompagnamento strumentale del pezzo ne esalta il carattere intimo, con un pianoforte di fondo che lascia spazio alle parole del testo, sono loro le vere protagoniste della canzone. “Torto o ragione non so, se può servire a qualcosa l’attesa, la resa, alla verità. No! Chi ha vinto poi non lo so, se il mio petto straziato nel vento in tempesta, non respiro più”. Un brano quasi d’altri tempi, che riporta in primo piano l’esigenza di un cantautorato personale e libero dalle logiche dei trend contemporanei.

Mattia Carlesso, cantautore veronese, nasce nel 1990. Grazie ai genitori si innamora della musica ascoltando artisti del calibro di Lucio Battisti, Lucio Dalla, Ivano Fossati. Imitando suo padre, all’età di 10 anni prende in mano la chitarra e da subito prova a scrivere i primi pentagrammi. L’adolescenza fa migrare le influenze musicali verso il rock e le tematiche sociali, portandolo così a comporre canzoni che suona in diversi gruppi della scena veronese. Durante l’università matura l’idea di creare un progetto solista, che si concretizza nel 2014. I testi e le musiche questa volta sono ispirati maggiormente ai sentimenti delle persone e alle loro storie. Il 2019 vede la pubblicazione del singolo Glaciazione, e nel corso dello stesso anno inizia la registrazione dell’EP ‘Torto o ragione’, coprodotto con la cantautrice veronese Veronica Marchi.

TRACKLIST:

1. Occhi 2. Tracce sul mio viso 3. Torto o ragione 4. Orbite geostazionarie

Di Serena Danese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *