Waters: Una reunion con i Pink Floyd? Terribile. Niente accordo per Animals

Una reunion dei Pink Floyd? Terribile. Animals? Non abbiamo trovato l’accordo per ristamparlo”. Roger Waters, intervistato da Rolling Stone, torna a parlare del suo (glorioso) passato con la band che più di ogni altra ha influenzato generazioni di artisti. Come succede ancora oggi, dopo oltre 50 anni.

A RS Waters ha spiegato una reunion dei Pink Floyd “non sarebbe una bella cosa”. Anzi, “sarebbe fottutamente terribile. Ovviamente, se sei un fan di quei giorni di Pink Floyd, hai un diverso punto di vista. Ho dovuto sopravvivere. Questa è stata la mia vita”. Per le sue scelte Waters sa di essere stato scelto “come un cattivo da chiunque, qualunque cosa. Così sia. Posso vivere con quello. Ma scambierei la mia libertà con quelle catene? Niente da fare”.

Ha spiegato anche di aver visto David Gilmour e Nick Mason. E l’incontro “è stato proprio su come si poteva pubblicare il vinile rimasterizzato di Animals senza che si trasformi nella terza guerra mondiale”. Il bassista ha spiegato di aver scelto la via democratica, senza successo: “Ho detto ‘Perché non votiamo? Siamo solo in tre. E possiamo decidere tutto in questo modo’. E almeno possiamo andare avanti. Ma loro non l’avrebbero fatto. Non lo volevano”.

Anche se è stato costretto a rinviare il suo tour This is Not a Drill al 2021 a causa della pandemia di coronavirus, Waters ha continuato a pianificare e creare. “Sto lavorando al tour ogni giorno”, ha confessato, aggiungendo che sta scrivendo una nuova canzone per adattarsi all’elenco di This is Not a Drill.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *