E’ online su YouTube il video di “GELIDA”, il singolo d’esordio della LQG

E’ online su YouTube il video di “GELIDA”, il fortunato singolo d’esordio della LQG (Low Quality Gang), un brano hip hop intenso e ricercato che su Spotify, in meno di un mese, ha superato i 30.000 ascolti.

Girato interamente in Abruzzo, il videoclip è la traduzione cinematografica del significato più profondo della canzone: spesso corriamo a perdifiato per non sentire la frustrazione e la paura ma, solo quando smettiamo di scappare e accettiamo il dolore, possiamo trovare il nostro posto nel mondo.

Il video, realizzato da Pizda Production, ha la regia di Manuel Tatasciore e vede la partecipazione di Giulia Celletti.

Una produzione PIZDA PRODUCTION

Attrice: Giulia Celletti

Regia: Manuel Tatasciore

Aiuto Regia: Danilo Corbellini Scarcia

Direttore della Fotografia: Pier Paolo Potenza

Executive Producer: Simone Mambella

Gaffer: Gabriele Bucari

Assistente alla macchina: Giacomo Piccolo

Elettricista: Jonas Keller

Sound Design: Enrico Talotti

Colorist: Agostino Potenza

Montaggio: Joe Prestigio

Si ringrazia: Riccardo Melon, IFA Scuola Di Cinema, Emanuele Marafrante, Giuseppe Schettino, Maurizio di Zio,  Mediawellness Studio (Pe)

È un progetto interamente lavorato e realizzato in Abruzzo.
LA LQG PARLA DI “GELIDA”
Una fuga. Un viaggio. Quello che segue è il racconto di una ragazza, del suo stato emotivo. Un racconto fatto di assenze e di pressioni. Trattiamo una società che stimola interrogativi e non fornisce risposte. Parliamo della ricerca. La ricerca del proprio posto nel mondo, in una contemporaneità che pare annientare l’individuo. Raccontiamo il vagare spasmodico verso una meta sconosciuta in una storia al limite tra la realtà e il sogno. Il primo capitolo del nostro racconto vedrà protagonista un anima afflitta, ancora una volta persa. Nella ricerca dolorosa di un lieve e così raro conforto.
Nel suo viaggio, racconteremo una storia di strada, fatta di campi totali, di “interazioni” di una donna e del proprio sogno nella realtà. Un frammento di vita trainato da passi di danza, tetri e tristi.
I narratori di questa storia saranno tre ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *