Voce e anima rock, ‘Happy Birthday’ Lenny Kravitz

Per lui gli anni sembrano non passare mai. E non solo per una freschezza fisica che dimostra di avere.

56 anni pieni di rock per Lenny Kravitz, produttore, cantante e polistrumentista, capace di suonare indifferentemente basso, chitarra, pianoforte, ispirato da artisti come Jimi Hendrix, John Lennon e Prince.

Nato a New York il 26 maggio 1964, e’ il figlio di Sy Kravitz, produttore discografico di origini ucraine, e di Roxie Roker, attrice, famosa per essere stata Helen Willis nella sitcom de I Jefferson. 

Nel 1983 comincio’ ad incidere dischi in proprio, con il nome d’arte di Romeo Blue. All’epoca si ispirava molto a Prince e agli Sly Stone, ma anche amusicisti jazz quali Duke Ellington, Sarah Vaughan, Count Basie, Ella Fitzgerald, Bobby Short e Miles Davis. Dopo il primo contratto firmato nel 1988, l’anno successivopubblica l’album d’esordio Let Love Rule, che sale fino al postonumero 61 di Billboard.   

Nel 1991 pubblico’ Mama Said, che raggiunse invece il numero 40 di Billboard. Molte sue canzoni si riferiscono alla fine del legame con l’attrice Lisa Bonet, divenuta famosa con la serie The Cosby Show. Il suo singolo piu’ noto e piu’ di successo e’ ItAin’t Over ‘til It’s Over. Collaboro’ anche con il bassista e il chitarrista dei Guns N’ Roses, Duff McKagan e Slash, rispettivamente nel suo primo album da solista Believe in Me del1993, e nel singolo Always On The Run del 1991.

Un buon successo ebbero anche pezzi come Stand By My Woman e What Goes Around Comes Around. Inoltre a Mama Said contribui’, per la prima volta su un disco, Sean Lennon. In tutto saranno undici gli album incisi incarriera, l’ultimo Raise Vibration del 2018.   

Nel 1993 usci’ Are You Gonna Go My Way, che raggiunse il numero 12 di Billboard.   Numeri da record, per lui, in quanto a riconoscimenti: ha infatti ricevuto quattro Grammy Award consecutivi alla miglior interpretazione vocale rock maschile, con i brani: Fly Away(1999), American Woman (2000), Again (2001), Dig In (2002).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *