E’ uscito Hangover, il primo singolo del duo The Errorist

È uscito oggi HANGOVER,il primo singolo del duo elettronico THE ERRORIST, disponibile su Spotify e sulle altre piattaforme digitali.

Disponibile da oggi anche il video

Distribuito dall’etichetta olandese Freaky Sound Amsterdam, HANGOVER èunbrano con un sound internazionale dall’ispirazione techno-pop, ricco di contaminazioni provenienti da diversi mondi fatati, che vede la collaborazione di Nina Echo

HANGOVER di THE ERRORIST FEATURING NINA ECHO è un brano intenso, spudorato e a tratti sfacciato, in cui la voce di Nina Echo conduce l’ascoltatore in un viaggio onirico all’interno del bosco delle paure, per riemergere ancora più forte in un posto incantato.

“Hangover è un brano che parla della ricerca della felicità, della propria identità, di un posto dove poter essere semplicemente se stessi, il posto dove poter mostrare la propria anima senza sentirsi a disagio – così il duo The Errorist racconta il brano – Hangover utilizza quindi la metafora del club, del party, dell’hangover come momento di euforia e di gioco… ecco perché nella parte allegorica del brano si può ricostruire la ricerca di un party dove la protagonista, attraverso una danza, vuole visualizzare la propria immagine.

Il video racconta una favola dove la figura chiave incontra in un bosco altri personaggi come il coniglio, che rappresenta la sua paura, il cinghiale, che è la forza con cui lei vuole combattere, e la civetta, che è il segno del tempo che scorre e che non ti fa mai dormire come succede nell’hangover”.

Antonio Spitaleri Matteo Bogoni sono i THE ERRORIST, duo elettronico nato nel 2018. Sono due sound designer producer con crescite professionali differenti: Antonio Spitaleri, milanese d’adozione, deve la sua creatività al teatro mentre Matteo Bogoni, nato e cresciuto a Verona, è un fonico che disegna suoni con sintetizzatori modulari.

NINA ECHO è un artista-performer di natura eclettica, convinta che l’arte sia la maniera di transducere luce e che può venire fuori in svariati modi, a seconda della frequenza su cui si è sintonizzati.

L’artwork della cover del singolo è stata realizzata dall’artista milanese classe ‘85 Marco Basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *