Batterista dei Clash, 65 anni fa nasceva Topper Headon

Eppure, nasce come amante di soul e jazz. Ma questo non gli impedì di diventare il batterista dei Clash.

Nicholas Bowen “Topper” Headon è nato 65 anni fa in Gran Bretagna, a Bromley, esattamente il 30 maggio 1955.

Fu grazie a un incontro con Mick Jones che entrò a far parte dei Clash nel 1977, dopo che la band aveva già cambiato vari batteristi (registrando la versione inglese di The Clash col precedente batterista, Terry Chimes).

Topper Headon

La sua idea iniziale era quella di rimanere con i Clash per un limitato periodo di tempo, circa un anno, per farsi un nome e riuscire a trovare posto in qualche altra band più appetibile.

Ma subito concepì che la band non era orientata solo verso il punk, ma si ramificava anche verso una varietà di stili più ampia.

Il primo disco nel quale compare è Give ‘Em Enough Rope del 1978, in cui il produttore Sandy Pearlman lo chiamò The Human Drum Machine (la batteria umana) per la sua straordinaria abilità e capacità di tenere il tempo (registrerà infatti la sua parte al primo tentativo). Topper diede un importante contributo soprattutto all’album London Calling: le sue notevoli capacità batteristiche e percussionistiche permisero al gruppo di spaziare in stili e generi diversi.

Fu il batterista dei Clash in tutti i successivi album fino a Combat Rock (1982), della musica del cui brano Rock the Casbah fu autore.

A causa della sua dipendenza dall’eroina, che impattava sulle performance di Headon, gli altri membri del gruppo gli posero un ultimatum con il quale lo misero di fronte all’alternativa di disintossicarsi oppure essere escluso dalla band; l’allontanamento divenne definitivo quando Joe Strummer sorprese Headon con degli stupefacenti durante un concerto. Gli altri membri del gruppo dichiararono in seguito che la separazione avvenne per differenza di vedute politiche; anni dopo Strummer e Green dissero che l’inizio del declino dei Clash coincise con l’espulsione di Headon dalla band.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *