Addio Pau Dones, voce de La Flaca. Nell’ultima canzone il grazie alla vita

La sua ultima canzone è un vero e proprio inno alla vita, un ringraziamento per ‘Cosa mi dai’. Come pure le sue canzoni sono sempre state all’insegna dell’ottimismo, della positività. Fino all’ultimo, fino a ‘Eso que tú me das‘, il singolo che anticipa l’ultimo disco in uscita a settembre su supporto fisico (è disponibile in streaming) dei suoi Jarabedepalo.

Se n’è andato oggi, a 53 anni appena, Pau Dones, voce e anima della band spagnola di rock latino. Ha lottato a lungo contro il cancro al colon, diagnosticato e operato nel 2015 ma tornato, cattivo e infame, nel 2017.

Pau, cresciuto a Barcellona, era però nato l’11 ottobre 1966 a Montanuy, comune della comunità autonoma dell’Aragona. Nel 2015 era stato operato per un tumore al colon, poi tornato nel 2017. Dopo il temporaneo addio alla musica nel 2018, per godersi la figlia Sara, era tornato a cantare “per chi vuole ascoltarmi, torno per la mia gente, torno e qui ho intenzione di rimanere per sempre. Torno perché la musica nella mia testa è tornata. Sto tornando perché salire sul palco è tutto quello a cui penso“.

E recentemente era tornato. Affatticato, dimagrito, ma comunque sorridente. Nel video di ‘Eso que tú me das‘ si mostra così, colpito dalla malattia, con la barba incolta. Ma ottimista. Il video è stato pubblicato il 25 maggio dai suoi Jarabedepalo, che ha guidato dal 1996. E proprio in quell’anno che arriva l’esordio, con l’album La Flaca, titolo che prende il nome dal singolo, ispirato da un viaggio a Cuba. Vende milioni di copie in tutto il mondo, e diventa la canzone dell’estate 1997. E per confermare che non è stato un caso isolato, Pau Dones pubblica Depende nel 1999.

Dopo di allora arriveranno altri 7 album, con collaborazioni illustri come quelle con Jovanotti. Che sui social ha espresso il proprio dolore: “Ho appena saputo della morte di Pau Donesha twittato– è una notizia tremenda, ci eravamo scritti 3 giorni fa e come al solito era lui a rassicurare me. Mi mancherai tantissimo amico e maestro Pau. Mi è difficile crederci”.

In ‘Eso que tú me das’ canta e ringrazia la vita “per tutto quello che mi dai, ti sarò sempre grato. Quindi grazie per esserci, per l’amicizia e la compagnia”, canta nel testo. Il singolo rappresenta un’anteprima del nuovo album che uscirà a settembre su supporto fisico mentre è già disponibile in digitale, con il titolo Tragas or Spits, album postumo dell’autore.

Il cancro è come un fantasma che appare senza preavviso. Ecco perché è importante essere vigili. Con il cancro, è meglio prevenire che curare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *